STUDIO SUI PROBLEMI EMOTIVI DI BAMBINI CRESCIUTI CON “GENITORI” DELLO STESSO SESSO

1795531_10204739002148917_3322543773644792313_n
Obiettivi: verificare se i risultati di piccoli campioni non randomizzati su bambini bambini con genitori dello stesso sesso che non soffrirebbero svantaggi nel benessere emotivo possano essere replicati in un ampio campione di popolazione ed esaminare i correlati di eventuali differenze rilevate.

Metodologia: Utilizzando un campione rappresentativo di 207.007 bambini, tra cui 512 con genitori dello stesso sesso, dalla Interview US National Health Survey, la prevalenza tra i due gruppi è stata confrontata per dodici scale di problemi emotivi, problemi di sviluppo, con controlli per età, sesso e razza del bambino e istruzione e reddito del genitore. Gli strumenti includevano lo Strenghts and Difficulties Questionnaire (SDQ) e la Scala Kessler di disagio psicologico (SPD). Modelli di regressione logistica bivariati hanno testato l’effetto del disagio psicologico parentale, l’instabilità familiare, la stigmatizzazione del bambino fra i pari e parentela biologica, sia complessivamente che per struttura familiare eterosessuale.

Risultati: problemi emotivi sono stati oltre due volte più frequenti (rapporto minimo rischio (RR) 2,4, 95% intervallo di confidenza (IC) 1,7-3,0) per i bambini con genitori dello stesso sesso che per i bambini con i genitori di sesso opposto. Il rischio è elevato in presenza di genitori con disagio psicologico (RR 2,7, CI 1,8-4,3, p (t) <.001), moderato nel caso di instabilità familiare (RR 1,3, CI 1,2-1,4) e non influenzato dalla stigmatizzazione (RR 2,4, CI 1,4-4,2), anche se tutto ciò aveva significativi effetti diretti sui problemi emotivi. Tuttavia, la parentela biologica annulla il rischio da sola e in combinazione con qualsiasi ripetizione di fattori di rischio. Genitori biologici uniti sono associati con il più basso tasso di bambini con problemi emotivi di un fattore 4 rispetto ai genitori dello stesso sesso.

Conclusione: la filiazione biologica comune, la condizione modale per i genitori di sesso opposto, impossibile per i genitori dello stesso sesso, distingue nettamente tra i risultati dei due gruppi circa i problemi emotivi dei bambini. I due gruppi sono differenti per definizione. Il matrimonio intatto di due individui di sesso opposto assicura ai figli la persistente presenza dei loro genitori biologici comuni; il matrimonio tra persone dello stesso sesso assicura il contrario. Tuttavia, è necessario un ulteriore lavoro per determinare i meccanismi coinvolti.

http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2500537

Annunci