LE BUGIE DI P. MARTIN

Padre James Martin mente al mondo cattolico. Non solo mente sull’insegnamento della Chiesa, sostenuto nelle sue bugie da diversi potenti ecclesiastici, ma mente anche sull’intera scena gay.
Mente presentandola come semplicemente diversa rispetto alla normale vita vissuta nell’eterosessualità e nel matrimonio e così via.
Si dà molto da fare per far sembrare l’intera scena gay naturale e normale, e in questo modo, mente dall’inizio alla fine. Oltretutto tradisce ogni singolo cattolico che lotta con l’attrazione per persone dello stesso sesso e si sforza di vivere secondo gli insegnamenti di Cristo nella Santa Chiesa Cattolica.

Proclama anche la sporca bugia che una persona che sta lottando per portare questa croce non ha alcuna speranza di uscirne, che è nata così, che deve semplicemente abbracciare la sua santa vita gay.
Impossibile. Che sporco bugiardo! E la sporcizia delle sue bugie è ancora peggiore per il fatto che è un prete.

Ci sono così tante bugie, bugie che sono talmente distruttive per così tanti giovani che questo uomo deve essere fermato.
No. Nessuno nasce gay. Non esiste la benché minima evidenza scientifica che lo suggerisca. Di fatto c’è carenza di prove. Dopo aver setacciato ogni singolo cromosoma del genoma umano per quasi un decennio gli scienziati non sono riusciti a trovare nessun “gene gay”. E la ragione per cui non lo hanno trovato è perché non esiste. È una menzogna disgustosa propagandata da Martin e dai suoi sostenitori nel clero che alcuni bambini nel grembo delle madri siano già gay.
Ma devono portare avanti questa tesi nonostante la completa mancanza di qualsiasi sostegno perché dà a Martin una rampa per lanciare altri “missili bugiardi”: che essere gay sia una specie di dono di Dio.

Abbiamo sentito questo linguaggio ripetuto nel Sinodo straordinario sulla Famiglia del 2014 quando Mons. Bruno Forte, intorno al quale sono circolate diverse voci di omosessualità, ha introdotto nella relazione di medio termine che “gli omosessuali hanno certi doni e certe qualità” che saranno utili alla Chiesa. Quella era una menzogna e, quando Church Militant lo ha affrontato direttamente nella sala stampa Vaticana, ha fatto marcia indietro e sul momento ci ha riso su, con disagio,  consapevole di essere stato scoperto nella sua propaganda.

Martin ha raccolto il testimone e propaga questa sporca menzogna. La scena gay non è uguale al mondo eterosessuale, soltanto con oggetti di attrazione diversi .

E’ popolata da uomini immaturi, uomini autodistruttivi, uomini con il “daddy complex” (attrazione verso uomini più vecchi, ndt), che sono seriamente feriti sia psicologicamente che spiritualmente e che sono incoraggiati dal loro ambiente ad elaborare il loro dolore attraverso la pratica di un sesso illecito e peccaminoso. E la risolvono così. La promiscuità in quel mondo è sconvolgente.

Le patologie psicologiche presenti in quel mondo, manifestate ad esempio con la dipendenza da droghe e alcol, per non parlare di quella da sesso, supera di molto questi disagi nel cosiddetto mondo eterosessuale e la ricerca del sesso e la sua soddisfazione è il centro della scena gay.

Nonostante Martin e i suoi “compari” cerchino di far passare l’idea che i cosiddetti “LGBT cattolici” non dovrebbero essere identificati dai loro appetiti sessuali, lo stesso acronimo LGBT non riguarda altro che gli appetiti sessuali. Dopotutto cos’altro definisce “gay” se non un desiderio, frequentemente messo in atto, di avere incontri con persone dello stesso sesso. Che altro dovrebbe significare?
È un marchio di autoidentificazione. Quando viene sventolata la bandiera arcobaleno che altro significa se non “ho un’attrazione sessuale per persone del mio stesso sesso”?
Rivestire questa realtà con altre pretese questioni come i diritti civili e altro, non può coprire la realtà di base che, nella sua essenza, l’intera realtà gay ruota intorno a incontri con persone dello stesso sesso. Punto.
Martin mente a questo proposito, cercando di dipingere il mondo gay come qualcosa di diverso rispetto a questa realtà, quando in realtà è tutta orientata al sesso: desiderio sessuale, appetiti sessuali, sfoghi sessuali…

La Chiesa non ha, e non ha mai avuto un problema con le persone che sono caste di fronte alle loro tentazioni sessuali, che siano eterosessuali o omosessuali.
Al contrario, queste persone vengono presentate come esempio di virtù perché portano la loro Croce.

Se siete cattolici che lottano per condurre una vita fedele di fronte a queste tentazioni, non ascoltate le bugie di questo prete spiritualmente distruttivo che mente sulla Chiesa, sulla vita gay e sul dolore che sta alla base dello stile di vita gay.
Martin non accetterà mai il confronto pubblico con qualcuno che gli chiede conto delle sue bugie. Sa che le sue bugie sarebbero completamente smascherate sotto la luce abbagliante della verità.

Siccome non ci saranno molti pastori che verranno a difendervi (spregevole peccato di omissione che pagheranno caro nella vita eterna) allora devono farlo i laici.

Questi uomini hanno cospirato per consentire che il sacerdozio venisse preso in mano da uomini psicologicamente disturbati con attrazione omosessuale, che spesso l’hanno messa in pratica e che vogliono cambiare qualunque cosa serva loro cambiare affinché la Chiesa “benedica” la loro malattia.

Di voi non gli importa nulla. Gli importa di loro stessi. Martin è il loro uomo-immagine ma non è l’unico bugiardo. Gli è possibile stare su un palcoscenico dopo l’altro perché molti altri bugiardi occupano l’ufficio di vescovo. Mentono sia commettendo che omettendo. In ogni caso, mentono.
Sono bugiardi che dicono bugie il cui padre è il diavolo, il padre della menzogna. Non ascoltateli. Sfidateli. Opponetevi a loro perché cercano di elaborare i loro problemi psicologici sulle spalle di anime tribolate che cercano di rimanere fedeli.
Che Dio vi benedica.
Michael Voris

Tradotto da Gian Spagnoletti

Trascrizione del video originale: The Vortex – Fr. Martin Lies


Annunci

L’ideologia del Genere avanza nella Scuola: nel silenzio generale, le case editrici si adeguano

Alessandro Benigni

SPAZIOBIANCO.JPG

1421256387500_Schermata_2015_01_14_alle_18.24.26

E’ dell’Aprile 2015 la notizia (recepita dalla pagina della vicepresidente del Senato, senatrice Valeria Fedeli) del disegno di legge n. 1680, per l’introduzione dell’educazione di generee della prospettiva di genere nelle scuole e nelle università. “Integrare l’offerta formativa dei curricoli scolastici, di ogni ordine e grado, – si legge – con l’insegnamento a carattere interdisciplinare dell’educazione di genere come materia, e agendo anche con l’aggiornamento dei libri di testo e dei materiali didattici, vuol dire intervenire direttamente sulle conoscenze utili e innovative per una moderna e civile crescita educativa, culturale e sentimentale di ragazze e ragazzi, per consentire loro di vivere dei princìpi di eguaglianza, pari opportunità e piena cittadinanza nella realtà contemporanea“.

Non ero per nulla stupito.
Ma da allora, cosa è cambiato?

 

Ormai il Re è nudo: speriamo che sia solo questione di tempo. Dietro la paccottiglia sbrodolante delle “pari opportunità”, dietro la volontà di eliminare “stereotipi, pregiudizi, costumi, tradizioni e altre pratiche socio-culturali fondati sulla impropria identità costretta in ruoli già definiti delle persone in base al sesso di appartenenza” (cito testualmente), ci sta la solita, subdola, e psicotica preteeiasa di negare l’evidenza: uomini e donne non sono uguali ed è perfettamente naturale e ragionevole che si inseriscano nella realtà culturale ed economico-produttiva della società in modalità diverse. Nemmeno si è posto il problema di un dibattito per stabilire i confini tra stereotipo e archetipo: cosa che peraltro è già stata fatta – egregiamente – dal comico Harald Eia (siamo nel 2010) con un breve documentario (il famoso video del “paradosso norvegese“) che smonta senza pietà la teoria gender.

Come? Basandosi sull’evidenza, logico: uomini e donne sono diversi, fanno cose diverse perché – essendo psicologicamente, emotivamente, fisicamente diversi, appunto – sono naturalmente portati ad eccellere in campi differenti.

Secondo i propinatori delle teorie del genere (ma non fa ridere che facciano di tutto per applicare queste teorie e poi si affrettino a negare che esista la teoria stessa?), l’obiettivo sarebbe quello di superare gli ostacoli che limitano, di fatto, la piena e autonoma soggettività. Si guardano bene però dal prendere anche minimamente in considerazione come – di fatto – questi nobili principi vengono ad essere declinati nella realtà.

Non è bastato, anche questa è un’evidenza, il reportage di Harald Eia che si è preso la briga di andare ad intervistare gli “scienziati” del Nordic Gender Institute per cercare di capire il “paradosso norvegese” e cioè come mai, dopo dieci anni di politiche e lotte per la parità di genere, in Norvegia fosse emerso, come illustrato dai dati governativi, che le differenze fra uomini e donne fossero più marcate rispetto al passato (ad esempio, il 90 per cento delle infermiere norvegesi sono donne e il 90 degli ingegneri uomini, etc.). No.

Non è bastato che perfino Michel Onfray, pur appoggiando i diritti LGBT e il femminismo, abbia criticato l’insegnamento della teoria gender nelle scuole, sostenendo che sottragga spazio all’insegnamento della filosofia, della lingua e della matematica. Come abbiamo ricordato, infatti, in un articolo del marzo 2014 Onfray ha scritto della «popolare e fumosa teoria del genere (…) della filosofa Judith Butler, che non nasconde l’appartenenza del suo pensiero alla linea decostruttivista» e ha poi riassunto la sua critica in un intervento radiofonico sostenendo che l’essere umano non è solo cultura, ma anche natura. E in seguito alle polemiche, Onfray ha aggiunto anche che la teoria del genere, voluta nelle scuole dal ministro Najat Vallaud-Belkacem, a suo avviso è «pericolosa» e «totalitaria», portando, come esempio dei danni, il caso di David Reimer e l’uso fattone dal dott. John Money (il guru della Gender theory) per dimostrare le sue teorie.

Nemmeno questo è bastato. Tant’è vero che anche le case editrici si aggiornano, e alla svelta, adeguandosi al pensiero unico. E quello che lascia più attoniti è che a sottomettersi (e a sottomettere) al pensiero unico sono proprio quelle materie che più delle altre dovrebbero porsi al servizio dello spirito critico: la Filosofia e la Psicologia.

Un esempio?

Questo è un manuale scolastico (biennio scuola superiore) che mi propongono in adozione per l’anno prossimo:

20150421_205912

Materia: Psicologia, per i Servizi Socio-Sanitari.

Come in ogni manuale di questa tipologia, ad un certo punto si parla di Famiglia (pag. 38):

20150421_204840

Cito: “Un caso a sé è poi rappresentato dalle coppie omosessuali, che negli ultimi anni sono state legalmente riconosciute nella maggioranza dei paesi europei, mentre in Italia non godono ancora di alcun diritto“.

E di seguito, immancabile, lo spot:

20150421_204829

Come chiunque può notare, la madre è scomparsa. E va bene così: il bambino è comunque sorridente bello e felice insieme ai suoi due (?) “papà”.

Che dire?

Cominciamo come sempre con l’analisi del testo (ricordo che si tratta di un testo per la scuola dell’obbligo):

1) Si dà per scontato che “siccome la maggioranza dei paesi europei ha deciso x”, allora ne consegue che x sia da perseguire anche in Italia. Così fan tutti, e via. La morale d’accatto.

2) “In Italia le coppie omosessuali non godono di alcun diritto”. A parte che questo è – come abbiamo mostrato più volte, palesemente falso, non si capisce a quali diritti da conquistare – per il bene comune – si stia facendo riferimento. Forse all’adozione di minori in coppie dello stesso sesso, in modo che siano brutalmente deprivati di padre e/o di madre?

Troppo tardi: quando insegnanti e studenti avranno terminato il paragrafo, il messaggio subliminale avrà già sortito il suo effetto e saranno già tutti perfettamente concordi nel gridare allo scanmaxresdefaultdalo: “Che cosa si aspetta a concedere anche qui gli stessi diritti alle persone con orientamento omosessuale!?” E’ la tecnica della rana bollita, cui più volte ci siamo richiamati. E via: tutti ad annuire. Una leccatina all’indice, voltare pagina. E avanti. Che si debba discutere del valore incommensurabile della differenza, neanche a parlarne. Che ci si fermi ad evidenziare come la differenza sessuale sia costitutiva della persona umana e quindi non solo la definisca in modo essenziale, ma abbia un inestimabile valore formativo, no, per carità. Non se ne deve parlare. Soprattutto, non si deve riflettere. Diceva bene Tony Anatrella: “Non si tratta qui di una valutazione religiosa, bensì di una constatazione antropologica che fa sì che l’uomo e la donna, in quanto persone, condividano l’appartenenza a una comune umanità, pur essendo ognuno rappresentante di un universo che gli è proprio. L’uomo e la donna non sono sufficienti e fini a se stessi; si trovano infatti in uno stato di carenza, hanno bisogno l’uno dell’altra per accedere al senso dell’alterità sessuale, poiché l’altro è sempre l’altro sesso” (Cfr. Tony Anatrella, La teoria del genere e l’origine dell’omosessualità, Edizioni San Paolo, 2012, pag. 47).

 

Qual è la relazione tra gender e la questione dei diritti nelle coppie dello stesso sesso, già implicitamente e senza lacuna discussione elevate allo status di “famiglie”? Parliamo delle cosiddette “famiglie omogenitoriali“, una lampante contraddizione in termini: “omogenitoriale” è l’ennesimo neologismo assurdo, un termine che non trova corrispondenza nella realtà: sbagliato dal punto di vista ontologico, logico e semantico (in gr. omoios / ghénos sono due contrari. L’“omo-genitorialità” è una pura invenzione: nessuno è figlio di due madri. Nessuno è figlio di due padri. Si tratta di un’invenzione che ha il solo scopo di accontentare le pretese degli omosessuali danneggiando però i bambini che nelle “famiglie” “omo-genitoriali” vengono sistematicamente deprivati del loro diritto di avere un padre e una madre. Tutto questo per accontentare gli adulti. Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, avendo a che fare con la neo lingua capita sempre più spesso dii trovarsi dinanzi un monstrum (nel senso latino del termine) come la parola omo-genitorialità. Questa parola, nata non si sa dove e non si sa quando, pretenderebbe di identificare una coppia di omo-sessuali che è anche genitrice. Quando si coniano tali neologismi sarebbe opportuno usare alla lingua italiana la cortesia di non creare ossimori tanto evidenti quanto grotteschi. E’ bene ribadirlo. Chissà che qualcuno alla fine non rinsavisca dalla psicosi sociale, oggi diffusissima. “Genitore”, deriva dal latino genitōre (m), deriv. di genĭtus, part. pass. di gignĕre ‘generare’. Il genitore è, quindi, colui che genera o che ha generato: asserire che una coppia di donne o di uomini possano generare (anche in senso figurato) un figlio non è forse una contraddizione in termini?

Bene, ora torniamo a noi. Qual è – dicevamo – la relazione tra gender e la questione dei diritti nelle coppie dello stesso sesso? Il concetto è semplice e paradossale al tempo stessoNoi sappiamo che non è così, ma se è vero che maschile e femminile sono solo costrutti sociali, che il genere non è correlato al sesso biologico, ne consegue logicamente la possibilità di matrimonio per persone dello stesso sesso e conseguente adozione di bambini. Da qui tutto è (già, si badi bene) consentito: dalla stepichild adoption alla fabbricazione e compravendita di esseri umani tramite utero in affitto, ai “diciotto genitori” (e più, perché no?) che secondo la lucidissima Giuseppina La Delfa (presidente della “Famiglie” arcobaleno, una di quelle che si sgola per proclamare che la teoria gender non esiste, detto per inciso) posso tranquillamente svolgere il ruolo di padre e madre e consentire comunque un equilibrato sviluppo del bambino.

Noi sappiamo – per evidenza, per logica e per scienza – che questo non è vero (vedi qui, per esempio), ma tant’è: il pensiero unico induce a credere l’impossibile. E l’impossibile, creduto, diventa reale: è il principio della psicosi, la quale come tutti sanno ha origine nella negazione del principio di evidenza naturale.

Il passaggio è diretto: se maschi e femmine sono solo costrutti culturali, ciò significa che il ruolo materno non è necessariamente legato ad una madre-donna e che nemmeno quello paterno è legato ad un padre-uomo. Al contrario, si pretende che i padri-uomini possano svolgere il ruolo di madre e le madri quello di padri e così via, un un miscuglio nel quale è difficile già da ora districarsi. Il tutto, chiaramente, in violazione dei principi fondamentali del corretto ragionamento umano (i famosi principi aristotelici di identità, di non-contraddizione e del terzo escluso). Ma una prima, incontrovertibile evidenza, è che la differenza tra uomo e donna precede qualsiasi sovrastruttura culturale: la cultura è fatta da uomini e donne, non viceversa. Assumere ipoteticamente il contrario e – quel che è peggio – pretendere che sia davvero il contrario, dà luogo ad una catena considerevole di assurdità.

Uomini e donne sono realmente, fisicamente, psicologicamente differenti. Questa è la normalità. Affermare il contrario significa pensare l’impensabile, ovvero che “A” sia uguale a “non-A”. Ne deriva direttamente che una coppia dello stesso sesso è strutturalmente diversa da una coppia dove invece i sessi sono diversi, come natura richiede al fine della procreazione (e ne deriva che una coppia dello stesso sesso è inadatta, di conseguenza, alla crescita di un bambino): equiparare astrattamente realtà diverse è una pretesa illogica, oltre che immorale e concretamente impossibile. Uomini e donne sono diversi, quindi una coppia uomo-donna è diversa da una coppia omosessuale, etc. La coppia naturale maschio-femmina (M+F) è strutturalmente diversa da ogni altra modalità associativa omo-sessuale, cioè dello stesso-sesso (M+M), (F+F). In base al primo dei principi della Logica (principio di non-contraddizione): “A è uguale a non-A” è falsa. Dunque l’uguaglianza di sessi diversi (intendo qui l’uguaglianza di uomini e donne) è un assurdo, anche solo a livello astratto: figuriamoci in concreto. Allo stesso modo una coppia omosessuale – per definizione: dello stesso sesso – è ontologicamente diversa da una coppia di uomo e donna – per definizione, di sesso diverso.

Ed inutile è cercare di spiegare in tutti i modi che differenziare non equivale logicamente a discriminare. Ogni sforzo sembra inutile.

aaaaaaaaaaaaaaaaDel resto, banalmente: se è vero che possono esserci bambini “con due mamme” e che è meglio “avere due (?) mamme invece che una sola”, allora perché non si può raccontare e quindi richiedere che ci siano anche bambini “con tre mamme”? O quattro? Cinque non sarebbe meglio, a rigor di logica? E così via. Se è vero questo assurdo costrutto – nient’altro che un postulato della teoria gender – se è vero che “due papà sono meglio di uno” e di conseguenza “tre sono meglio di due” allora “centoventi papà sono meglio di centodiciannove”. No? Per questa strada – che è quella suggerita da Giuseppina la Delfa, la quale sosteneva che anche diciotto genitori vanno bene – si arriva velocemente all’annullamento del ruolo, del significato e dell’identità stessa del concetto di “padre” e “madre”. Quanto vale un padre (o una madre) se ogni individuo può averne un numero indefinito?

 

Detto questo, torniamo ancora una volta all’immagine e alla frase riportata dal libro di testo. Daccapo: la madre, dov’è? In quali paragrafi, in quali capitoli, in quali saggi si è dimostrato che la madre è inutile? O che del padre possiamo farne tranquillamente a meno?

Immagino già la risposta (un ennesimo slogan preconfezionato pronto all’uso): “E allora, tutti gli orfani?” Come a dire: dato che alcuni bambini sono orfani e sono cresciuti nonostante la gravissima perdita e lo stato oggettivo di de-privazione allora ne consegue che possiamo deprivare anche tutti gli altri. Logico, no? Siamo evidentemente fuori da un orizzonte ragionevole di discussione. Proviamo comunque qualche osservazione. Prima di tutto, seguendo questa “logica” gender, ci sarebbe da chiedersi com’è possibile che se padre e madre sono “ininfluenti”, “inutili nell’allevare un bambino”, e “i bambino hanno solo bisogno d’affetto”, allo stesso tempo “avere due papà è meglio che uno”: se non contano niente, la somma di due niente è sempre niente. Sarebbe più coerente abolire le figure genitoriali, no? D’altra parte se non importa che siano entrambi (padre e madre) ma basta uno dei due perchè dell’altro si può fare a meno, si dovrebbe poi spiegare quale dei due, e perchè. E’ chiaro infatti che se nelle coppie omosessuali le madri non contano e nelle coppie lesbiche si può fare a meno dei padri se ne deduce logicamente che nessun genitore è utile al bambino. Ma allora che senso ha voler giustificare la cosiddetta “omogenitorialità”? E perché gli adulti in coppie dello stesso sesso insistono ad auto-proclamarsi buoni genitori, se poi sostengono di fatto che i genitori non servono?

Detto per inciso, ricordiamo che è già stato smontato pezzo per pezzo l’argomento dell’orfanotrofio. Basta leggere come si fa.

Ora, di fronte alla pervicacia con cui si tenta, da più parti, di farci credere che “la scienza dimostra che non ci sono danni per i bambini che crescono in coppie dello stesso sesso” (altro slogan-prefabbricato che si smonta con un briciolo di epistemologia), c’è qualcuno che in Italia ancora resiste. Per esempio Francesco Paravati, presidente della Società Italiana di Pediatria Ospedaliera (SIPO), ha spiegato che: «Quello che c’è di scientifico oggi dimostra che il bambino cresce confuso nell’identità perché perde i punti di riferimento, sia nelle “famiglie” monoparentali che nelle unioni omosessuali. Il problema a carico del bambino è una difficoltà ad interloquire con punti di riferimento chiari». Se non fosse sufficiente, c’è un’ampia letteratura in merito, e ci sono studi con campioni significativi che dovrebbero far riflettere. Ma non è nemmeno questo il punto.

Quello che più addolora, in tutta questa (mancata) discussione, è che la dignità ed il bene dei bambini vengano così brutalmente ignorati o al massimo considerati con una superficialità che lascia attoniti. Il punto di vista adottato è sempre e solo adultocentrico. Come si può ignorare il fatto che esiste una differenza abissale tra il sopravvivere ad un evento traumatico (la deprivazione o la perdita di uno o di entrambi i genitori) e il vivere pienamente la condizione di figlio? Come si può dire: “tanto il bambino sopravviverà, quindi che faccia pure a meno della madre o del padre, l’importante è che due o più adulti facciano come desiderano”? Perché di questo si tratta: ai bambini non viene solo negata la figura genitoriale di padre e/o di madre, ma la stessa condizione di figlio. Ciascuno è infatti figlio di un padre e di una madre. Se un bambino viene volontariamente deprivato di una delle due figure genitoriali ne consegue automaticamente che non potrà mai essere e sentirsi figlio in senso compiuto: il genitore mancante potrà infatti essere fantasticato solo passando per la consapevolezza che gli è stato tolto, di proposito, dagli adulti che si prendono cura di lui e che dicono – a parole – di amarlo. Si guardi – ancora una volta – alla foto qui sopra: come mai la madre non c’è? Come si può seriamente sostenere di amare un bambino e nel contempo privarlo della madre o del padre? Di sua madre e di suo padre, per inciso, visto che tra genitori e figli si instaura in origine un rapporto di co-appartenenza? Per questo – e per altri motivi – ho parlato infatti di pedofobia(o paidofobia, per evitare incresciose assonanze: sai com’è, di questi tempi si deve prestare attenzione).

Detto questo: come mai nel libro di testo non compare il benché minimo accenno ad una discussione sul tema? Come si è visto, si dà la notizia (falsa) della mancanza dei diritti e si pone non un argomento ma un’immagine (molto più forte e seduttiva per un giovane lettore, certo…) che rappresenta una “famiglia” (?) felice con due uomini e un bambino. Cos’è, vietato far ragionare l’alunno sul fatto che il desiderio delle coppie omosessuali di essere padri (in due) o madri (in due) viene oggi confuso con un presunto e assoluto diritto alla paternità o alla maternità? Il fatto è che oggi qualsiasi pretesa di discussione su questo tema viene tacciata a priori di oscurantismo, qualsiasi riflessione in senso opposto è considerata una forma di discriminazione, di omofobia, e così il desiderio individuale diventa diritto e gli interessi economici che stanno dietro la fabbrica dei bambini fanno il resto. Alla fine, in molti crederanno che tutto questo sia una conquista, mentre si tratta solo di una vittoria della legge del mercato: alcuni fabbricano bambini, altri li comperano. Un affare che verrà scambiato per progresso. Una pseudo-logica che abbiamo già evidenziato, nella sua temibile capacità di far presa sull’emotività del lettore o dell’interlocutore, senza godere al contempo del benché minimo fondamento logico e/o morale.
E viene insegnato a Scuola, nel silenzio generale.

Ed è anche questo a dispiacere: che proprio nella Scuola si vada perdendo il valore educativo della differenza. Con il solo scopo di distruggere – a fini ideologici (fondamentalmente figli nel relativismo e del nichilismo) e commerciali – la struttura strutturante che è la famiglia naturale, composta da uomo e donna. “Crescere con una madre e con un padre, quando è possibile, – ci spiega Domenico Simeone, psicologo, psicoterapeuta e professore associato di Pedagogia generale presso l’Università degli Studi di Macerata – significa conoscere il valore educativo della differenza, significa inscrivere la parentalità in una rapporto che chiama in causa la corporeità, significa sperimentare una rete relazionale costruita sul riconoscimento dell’alterità”. La differenza di genere tra padre e madre e tra genitore e figlio costituisce l’elemento fondamentale per imparare ad essere se stessi, per individuarsi, quindi per relazionarsi con l’altro-da-sé, quindi per amare.Trovarsi in una famiglia vera, crescere sotto la guida di un padre e di una madre consente al bambino di interiorizzare in base ad una esperienza intima e diretta cosa vuol dire essere uomo e donna e, quindi, definire nel tempo una solida identità maschile o femminile. Pretendere di negare questo dato evidente significa accettare implicitamente la logica destrutturante dell’unisex: la logica del piano liscio del mercato, senza differenze, che fa dell’uomo un soggetto-oggetto di consumo. E’ perfino ovvio che due adulti dello stesso sesso non possono fornire questa esperienza di base, quindi il bambino sarà gravato da un compito psichico aggiuntivo, al quale si aggiunge il danno della possibile psicosi, sempre pendente: “Quando si abolisce il principio di evidenza naturale la mente compensa con squilibri psicotici gravissimi. Per questo pensare di introdurre l’uguaglianza dei sessi come normale significa attentare alla psiche di tutti. Penso poi ai più deboli: i bambini. Se gli si insegna sin da piccoli che quel che vedono non è come appare, li si rovina. Ripeto, pur non essendo solito fare affermazioni dure, dato che gli omosessuali sono persone spesso duramente discriminate, non posso non dire che introdurre l’idea che la differenza sessuale non esiste, e che quindi non ha rilevanza, è da criminali“. (Italo Carta – Ordinario di psichiatria e direttore della Scuola di specializzazione in Psichiatria all’Università degli studi di Milano).

 

E dovrebbe essere altrettanto chiaro che ai bambini adottati la società deve fornire condizioni ideali di crescita, non esporli ad altri pericolosi fattori di rischio. Eh sì, p074207487-286fcd7e-31b0-48d1-92f4-a120961870c9erché la retorica che sgocciola dalle teorie del genere non si fa scrupoli nemmeno nell’adottare gli pseudo-argomenti dei bambini orfani. “Diverse migliaia di bambini sono in attesa di adozione ed è meglio per loro essere adottati da una coppia omosessuale che restare in un orfanotrofio”. Logico, vero? Sembrerebbe di sì, visto che qualche giudice “illuminato” ha già pensato di sentenziare in tal senso.

Quello che sembra di poter dire è che nel nostro paese, di fatto, un dibattito rigoroso su questo tema è del tutto mancato o si è limitato, nella migliore delle ipotesi, ad una serie di spot mediaticiche si limitano a far presa sulla parte emotiva del pubblico, senza mai riuscire ad indurre un’autentica riflessione sugli effetti, sulle drammatiche conseguenze di queste presunte “teorie” del gender. Così, sulla scorta di un’impressione vaga e superficiale, acriticamente inculcata ed appresa dalle masse, si tende a negare che esista una differenza fra maschile e femminile (contro l’evidenza, peraltro supportata da innumerevoli analisi scientifiche), a sostenere che sia indifferente essere maschio o femmina e che sia dunque indifferente che una coppia con bambini sia formata da un uomo e una donna oppure da due donne o da due uomini. O tre, tanto per dire. Oramai – e siamo sempre a livello di slogan pubblicitari –  “Love is love“: l’importante è amarsi. Lo stesso dicasi per il rapporto tra genitori (ma si può ancora parlare di “genitori“? anche questo per me sarebbe materia di discussione: se viene infatti cancellata la madre, anche il padre non è più tale, e viceversa) e figli: Love is love. E via, fine di ogni problema. L’amore pialla tutto, sistema tutto, elimina ogni difficoltà. Il mondo delle favole, insomma. Anzi no, nemmeno quello, visto che l’attività globale di decostruzione e smantellamento degli “stereotipi” (daccapo: stereotipi o modelli, cioè “archetipi“? ci sarebbe da dire tanto in merito, eppure…) ormai stravolge anche il mondo delle storie per bambini (come ho già segnalato in questo link). Si dimentica così che maschile e femminile, ben lungi dall’essere astrazioni umane, sono non solo caratteristiche evidenti ed irriducibili dell’essere umano in quanto tale, ma anche necessari per la definizione stessa della condizione umana, che a prescindere da questa realtà binaria e complementare sfugge completamente da ogni logica e ad ogni ontologia possibile. L’accettazione dell’evidenza (mi riferisco alla realtà e alla complementarietà i due sessi) è vincolante e decisiva per tutti, a partire dal fine di salvaguardare quel famoso principio di evidenza naturale scartato il quale si cade irrimediabilmente nella psicosi, non solo personale, ma anche collettiva, socialmente condivisa.
Per questo, oltre che per altri motivi, in una società sana e rispettosa di tutti, “il matrimonio non è per tutti” ed è giusto e comprensibile che lo Stato tuteli con attenzione la famiglia naturale, composta da maschio e femmina, come luogo privilegiato della nascita e della crescita dei futuri cittadini. I bambini hanno diritto ad un padre e a una madre, ad una famiglia vera. Ripetiamolo.
Daccapo: si deve fare attenzione a non mescolare acriticamente il piano dei diritti presunti con quello dei diritti reali, a partire dal diritto di ognuno ad avere un padre e una madre. Un conto è parlare (giustamente) del riconoscimento di alcuni diritti giuridici degli omosessuali, se e là dove mancanti, un altro conto è invece sostenere acriticamente il diritto ad avere figli (come se esistesse, realmente, un diritto diritto di questo tipo: nessuno ha diritto a un figlio, perché i diritti si hanno sulle cose, non sulle persone ed i bambini sono casomai soggetti e non oggetto di diritto altrui).
SPAZIOBIANCO

 


Aggiornamenti, testimonianze e documentazione

 

Ricco ed esaustivo video in cui si spiega che cos’è la “Teoria” o “Ideologia Gender” e – dal minuto 4 e 30 secondi – presentata documentazione oggettiva di come la “Teoria” o “Ideologia Gender” stia entrando nelle scuole.

Si veda il documento “Scuola e Genere: percorsi di crescita“, patrocinato da Comune di Siena

Link per scaricare il pdf: http://www.provincia.siena.it/var/prov/storage/original/application/7d1e5db19a7f93411164d86b5dc383a4.pdf

 

Da Sentinelle in Piedi, sezione di Arezzo:

11350890_610363315734039_3126750808394576498_n

 

Commento:

La fluidità di genere è la capacità di assumere in modo consapevole e libero uno o più degli infiniti numeri di genere, per il tempo che vogliamo e con qualsiasi ritmo di cambiamento. La fluidità di genere non conosce limiti o regole di genere“. Questo si legge, come vedete nella foto, a pagina 52 di “Gender Outlaw: On Men, Women, and the Rest of Us”, celebre libro del 1994 di Kate Bornstein. La tipa su Wikipedia è descritta come “gender theorist”: a noi vien da credere che una “gender theorist” produca “teoria gender” (per altro è essa stessa che definisce la sua una “theory of gender”, a pag. 58 dello stesso libro) e che pertanto questa stessa “teoria gender” esista. Ma conveniamo con chi ci ritiene visionari: la teoria gender prodotta dalla gender theorist che la chiama teoria gender non esiste. Ma come possiamo fare a contestare le deliranti affermazioni della Bornstein? Quale termine dobbiamo usare per chiamarle, se quello che lei stessa impiega non esiste? E come possiamo fare a non parlare di un punto di vista largamente discusso e condiviso, se è vero che questo volume, pubblicato da Routledge, su Google Scholar risulta citato in ben 1.113 contributi scientifici successivi (chi sa cosa significa sa che si tratta di un ranking accademico semplicemente straordinario)? Attendiamo risposte e, nel frattempo, lasciateci continuare – anche per banali esigenze di sintesi – a ripetere che la teoria gender, o almeno *questa* teoria gender, quella che vedete variamente riespressa ovunque, esiste.

 

 

Da un altro manuale per le Scuole Superiori:

12003325_1016471101707966_3512767590625012394_n

“ancora oggi non esiste una spiegazione scientifica che giustifichi l’attrazione tra sessi opposti”
Commento di Valerio Corazza: “Adesso è la natura a necessitare di spiegazione scientifica per essere giustificata”.

Non credo servano ulteriori commenti.

 

Da un altro manuale, questa volta di Biologia:

aaaaa

Oltre che ideologica, è pure una pretesa che si fonda su fallacia evidente (variazione dell’argomento fantoccio: il caso limite), che consiste in una generalizzazione indebita e conseguente pretesa di elevazione a legge universale di ciò che è invece eccezione (o vera e propria malattia psichica). Basta guardarsi intorno e contare quanti sono gli individui in cui sesso e genere interiorizzato non coincidono.
È forse normale per un uomo sentirsi donna e viceversa?

 

SPAZIOBIANCO

La “tesi dell’ininfluenza”: “… ma a te, cosa cambia?”

 

Spesso ci si sente chiedere per quali motivi si è contrari ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, visto che si tratta di accettare il riconoscimento di una forma in più di matrimonio possibile e non di eliminare o modificare il matrimonio tra persone normali.
adozioni-gay2

Considerazioni.
“Se la casa del mio vicino va a fuoco, è saggio preoccuparsi per la propria”: in una società le scelte dei singoli ricadono inevitabilmente sull’intero gruppo sociale. Certamente il “matrimonio omosessuale” non comporta danni diretti a chi ne contesta la legittimità. Il problema è di ordine generale e di protezione di tutta la società da un danno oggettivo che riguarda tutti i cittadini, a partire dai più deboli e indifesi: i bambini. Non si dovrebbe infatti mai dimenticare che il matrimonio comporta per diritto la possibilità di adozione e che il diritto del bambino è (dovrebbe essere) sempre prioritario rispetto ai desideri degli adulti. In una coppia di persone dello stesso sesso il bambino si vedrebbe crudelmente ed ingiustificatamente deprivato del padre e/o della madre: per questo motivo il matrimonio non può essere concesso a chiunque lo richieda. Un consapevole atteggiamento etico impone di valutare le azioni morali (proprie e del prossimo) in base alla loro validità universale: che ne sarebbe se questo principio (matrimonio per tutti e negazione dei diritti dei bambini) venisse applicato universalmente? Ovvero: “Se si facesse così per tutti, avremmo un mondo migliore o peggiore?” E’ questa la domanda che ci fa capire se un’azione è giusta o sbagliata dal punto di vista morale. Se ci si deve necessariamente impegnare per il cambiamento (verso il meglio!) delle leggi e della società in ci si vive, ne consegue che l’indifferenza verso ciò che accade fuori di noi non è un atteggiamento etico accettabile. Ecco perché la questione del “matrimonio omosessuale” riguarda tutti e non solo gli omosessuali).
A volte si sente questo tipo di replica: “Il matrimonio omosessuale riguarda centinaia di migliaia di adulti e bambini. Per esempio: i Francesi sono favorevoli al matrimonio omosessuale. Altri paesi l’hanno già autorizzato. Perché restare indietro?
Questa è veramente una logica pazzesca. Dal fatto che gli altri paesi europei, fosse anche il mondo intero, abbiano preso una certa direzione (politica) non consegue affatto che tale scelta sia buona di per sé e porti automaticamente dei vantaggi. La storia delle nazioni, europee ed extraeuropee, è stracolma di scelte sbagliate. L’autorizzazione del matrimonio omosessuale non è di per sé, fino a prova contraria, un segnale di progresso, civile o morale, di una nazione. Il concetto è semplice: si devono concedere diritti a qualsivoglia desiderio, solo per il fatto che viene espresso da un certo numero di persone? Basterà autorizzare il maggior numero di cose vietate negli altri paesi per essere al primo posto delle nazioni?
Casomai, prima bisogna dimostrare con una solida argomentazione che le persone hanno diritto a sposarsi, quindi che il matrimonio è sempre a prescindere possibile (quindi poligamia, incesto, etc. compresi) e poi mostrare che è interesse generale della nazione correre in testa alla corsa per concedere diritti in base ai desideri delle persone.
Inoltre, dal punto di vista sociale si dovrà tener presente che a numeratore fermo, se cresce il denominatore, decresce il valore della frazione. Data la quantità N di risorse con cui lo Stato può aiutare le famiglie, se si amplia la platea di fruitori, cala il beneficio pro capite (N/10 > N/20). E spiace dirlo, ma questa è l’Italia e il rischio abusi è alto, ci sono i falsi invalidi figurati se mancheranno i falsi gay. Già in Australia si verificano i primi casi (com’è logico che sia). Il paese ha un grave problema demografico, deve aiutare le famiglie che possono fare molti figli, superfluo spiegare perchè trattasi solo di coppie etero: non è discriminazione, è biologia. Parliamo di soldi pubblici, tasse mie e vostre, ogni contribuente ha diritto di voto sul loro impiego. La questione riguarda tutti. Come notava Filippo Savarese, “Annacquare e alterare il matrimonio significa manomettere l’intero sistema di protezione e promozione della famiglia”. Inoltre, “smettere di riconoscere nell’unione tra uomo e donna il paradigma dell’intera esperienza umana è il sintomo di una depressione culturale gravemente autolesionista, che non ha nulla a che vedere con il rispetto delle scelte di vita delle persone, dei loro affetti e dei loro sentimenti”.
.
.
Alessandro Benigni

Perché il “matrimonio omosessuale” riguarda tutti e non solo i diretti interessati?

 

Nelle riflessioni che seguono viene portata ad evidenza l’insostenibilità della tesi secondo la quale il cosiddetto “matrimonio gay” dà diritti in più a tutti, senza toglierne a nessuno. 

 

 

 


 

 

 

“Ma a te … cosa cambia?” 

adozioni-gay2
Spesso ci si sente chiedere per quali motivi si è contrari ai matrimoni tra persone dello stesso sesso, visto che si tratta di accettare il riconoscimento di una forma in più di matrimonio possibile e non di eliminare o modificare il matrimonio tra persone normali.
Considerazioni.
.
“Se la casa del mio vicino va a fuoco, è saggio preoccuparsi per la propria”: in una società le scelte dei singoli ricadono inevitabilmente sull’intero gruppo sociale. Certamente il “matrimonio omosessuale” non comporta danni diretti a chi ne contesta la legittimità. Il problema è di ordine generale e di protezione di tutta la società da un danno oggettivo che riguarda tutti i cittadini, a partire dai più deboli e indifesi: i bambini. Non si dovrebbe infatti mai dimenticare che il matrimonio comporta per diritto la possibilità di adozione e che il diritto del bambino è (dovrebbe essere) sempre prioritario rispetto ai desideri degli adulti. In una coppia di persone dello stesso sesso il bambino si vedrebbe crudelmente ed ingiustificatamente deprivato del padre e/o della madre: per questo motivo il matrimonio non può essere concesso a chiunque lo richieda. Un consapevole atteggiamento etico impone di valutare le azioni morali (proprie e del prossimo) in base alla loro validità universale: che ne sarebbe se questo principio (matrimonio per tutti e negazione dei diritti dei bambini) venisse applicato universalmente? Ovvero: “Se si facesse così per tutti, avremmo un mondo migliore o peggiore?” E’ questa la domanda che ci fa capire se un’azione è giusta o sbagliata dal punto di vista morale. Se ci si deve necessariamente impegnare per il cambiamento (verso il meglio!) delle leggi e della società in ci si vive, ne consegue che l’indifferenza verso ciò che accade fuori di noi non è un atteggiamento etico accettabile. Ecco perché la questione del “matrimonio omosessuale” riguarda tutti e non solo gli omosessuali).
+
+
+
20180402_125807.jpg
+
+
+
.
.
.
A volte si sente questo tipo di replica: “Il matrimonio omosessuale riguarda centinaia di migliaia di adulti e bambini. Per esempio: i Francesi sono favorevoli al matrimonio omosessuale. Altri paesi l’hanno già autorizzato. Perché restare indietro?
Questa è veramente una logica pazzesca. Dal fatto che gli altri paesi europei, fosse anche il mondo intero, abbiano preso una certa direzione (politica) non consegue affatto che tale scelta sia buona di per sé e porti automaticamente dei vantaggi. La storia delle nazioni, europee ed extraeuropee, è stracolma di scelte sbagliate. L’autorizzazione del matrimonio omosessuale non è di per sé, fino a prova contraria, un segnale di progresso, civile o morale, di una nazione. Il concetto è semplice: si devono concedere diritti a qualsivoglia desiderio, solo per il fatto che viene espresso da un certo numero di persone? Basterà autorizzare il maggior numero di cose vietate negli altri paesi per essere al primo posto delle nazioni?
Casomai, prima bisogna dimostrare con una solida argomentazione che le persone hanno diritto a sposarsi, quindi che il matrimonio è sempre a prescindere possibile (quindi poligamia, incesto, etc. compresi) e poi mostrare che è interesse generale della nazione correre in testa alla corsa per concedere diritti in base ai desideri delle persone.
Inoltre, dal punto di vista sociale si dovrà tener presente che a numeratore fermo, se cresce il denominatore, decresce il valore della frazione. Data la quantità N di risorse con cui lo Stato può aiutare le famiglie, se si amplia la platea di fruitori, cala il beneficio pro capite (N/10 > N/20). E spiace dirlo, ma questa è l’Italia e il rischio abusi è alto, ci sono i falsi invalidi figurati se mancheranno i falsi gay. Già in Australia si verificano i primi casi (com’è logico che sia). Il paese ha un grave problema demografico, deve aiutare le famiglie che possono fare molti figli, superfluo spiegare perchè trattasi solo di coppie etero: non è discriminazione, è biologia. Parliamo di soldi pubblici, tasse mie e vostre, ogni contribuente ha diritto di voto sul loro impiego. La questione riguarda tutti. Come notava Filippo Savarese, “Annacquare e alterare il matrimonio significa manomettere l’intero sistema di protezione e promozione della famiglia”. Inoltre, “smettere di riconoscere nell’unione tra uomo e donna il paradigma dell’intera esperienza umana è il sintomo di una depressione culturale gravemente autolesionista, che non ha nulla a che vedere con il rispetto delle scelte di vita delle persone, dei loro affetti e dei loro sentimenti”.
+
+
+
sss.jpg

Perché normalizzare il non-normale?

 

Noam-Chomsky.jpg


A chi giova il dissolvimento del concetto di normalità?

 

Alessandro Benigni

 

 

Abbiamo visto più volte e da prospettive diverse come la fabbrica del consenso di cui l’Impero dispone e con cui dispone preveda l’adozione dell’ingegneria sociale come mezzo di manipolazione e controllo mentale. Con risultati sorprendenti. Da anni, per esempio, è stato instillato – con il metodo dei piccoli passi, alla maniera della “Finestra di Overton”, una viscerale antipatia (tanto irrazionale quanto dannosa), per il concetto di “norma” e “normale”. Tanto che oggigiorno “normale” è per lo più inteso come aggettivo squalificante. La “norma” viene vista come la causa dell’esclusione (di ogni esclusione possibile) e quindi, in un mondo in cui tutti hanno il terrore (indotto) di essere esclusi (chissà da cosa, poi?), “norma” e “normale” sono diventati anatemi da combattere in ogni modo. La norma, infatti, tenderebbe per sua natura ad assorbire – dopo aver tracciato appunto una linea dell’esclusione più o meno rigorosa – tutto ciò che ad essa sembra opporsi. E a nessuno, proprio nessuno, piace essere escluso. Quindi? Quindi aboliamo la norma, semplice. Di questo, ci hanno convinto. Ed è stato relativamente facile. Ma a ben vedere anche la trasgressione, in fondo, non è nient’altro che la riconferma della Regola, del bisogno di una Norma che tracci e difenda i confini, quindi un’ulteriore messa in evidenza del limite che questa sancisce. In altre parole, “Norma” e “devianza dalla norma” sono concetti complementari, speculari. La devianza, oltre a scuotere e far tremare per un istante la struttura normativa, finisce poi inevitabilmente per rientrare in quel suo circuito che le dà origine e, allo stesso tempo, si mostra persino funzionale a questa struttura nel suo complesso. In sociologia, ha fatto scuola l’analisi di Emile Durkheim, che credo per primo ha sottolineato l’universalità sociale e l’imprescindibilità della norma, dandone una connotazione fortemente positiva – per ogni tipo di società. Nella sua analisi il trasgredire alle norme è daccapo un fatto del tutto normale: dovunque esistano regole, norme, prescrizioni, si verificano inevitabilmente violazioni più o meno gravi. In altre parole: dall’ambito della norma – normalità e della sua relazione dialettica con la trasgressione, non si esce: “Ora, non v’è società conosciuta in cui, sotto varie forme, non si osservi una maggiore o minore criminalità. Non v’è popolo in cui non si violi quotidianamente la morale. Perciò dobbiamo dire che il delitto è necessario, che non può non esistere, che le condizioni fondamentali dell’organizzazione sociale, quali si conoscono, lo implicano logicamente, e quindi che è normale. (…) Ciò che è condizione indispensabile della vita non può non essere utile (…). Infatti, abbiamo dimostrato come il delitto possa servire, ma solamente se è condannato e represso. (…) Il suicidio è dunque un elemento della loro [delle epoche] normale costituzione ed anche, molto probabilmente, di ogni costituzione sociale”. (E. Durkheim, Il suicidio, pp. 428-429). Orbene, se la norma e la normalità sono inevitabili, all’Impero non resta che mutarne il significato e rendere il concetto di norma tanto liquido da poter essere adattato allo sviluppo dei propri scopi e della conquista del Potere. A partire dalla svolta epistemologica verificatasi intorno alla metà degli anni Sessanta del secolo scorso e che fa leva su alcuni cardini di principio ritenuti oggi imprescindibili (come per esempio: la valorizzazione del soggetto, a prescindere dai “valori” di cui è portatore) siamo pervenuti ad un ripensamento radicale del concetto di diversità. Così, dal Don Bosco che sceglieva di donare la sua vita ai giovani e in particolare agli emarginati, ai ragazzi che i meccanismi dell’esclusione sociale destinavano sin dal XVII secolo al “grande internamento”, come definisce Foucault l’operazione di chiusura delle personalità “difficili” nei molti luoghi della correzione istituzionale, siamo come d’incanto passati all’accettazione alla giustificazione delle distorsioni più evidenti e alla contemporanea patologizzazione della normalità. Questo è stato possibile insistendo con un martellamento mediatico senza precedenti solo sugli effetti negativi di una patologizzazione della condizione di devianza e marginalità che storicamente aveva condotto a legittimare tutte le pratiche, anche pedagogiche, di repressione, controllo sociale. Ma così facendo, siamo giunti ad una “normalizzazione” di segno opposto. La categoria del “diverso”, in passato sanzionata dalla predisposizione del trattamento repressivo-correttivo nonché da una codificazione linguistica minuziosa che etichetta i “tipi” di diversità: lo svantaggiato, l’incorreggibile, l’asociale, il criminale, il folle e così via, è oggi a tal punto valorizzata da far pensare che i veri “diversi” siano i “normali”. E’ così che – nel gioco dialettico delle opposizioni binarie come “reale” e “falso”, “normale” e “anormale”, la tattica dell’Impero ha permesso di svuotare di significato sia il concetto di normale che quello di a-normale, sia quello di sano che di malato, così come l’ultima versione del DSM mostra chiaramente. Le opposizioni binarie sono passate nelle mani sapienti degli ingegneri sociali, a servizio dell’Impero, che sono riusciti col tempo a rendere socialmente condivisa una generale stigmatizzazione sia delle fonti di informazioni “non conformi” (leggi “fake news”) e soprattutto di idee non conformi (leggi pro life, pro family, etc.) − ristrutturando linguisticamente la realtà del consenso come territorio concettuale nel quale ogni persona pensante, scrivente o parlante di fuori dal mainstream è considerato come una sorta di “deviante”, o di “estremista”, o qualsiasi altra forma di reietto sociale. Siamo insomma al punto di svolta: la normalità è fabbricata linguisticamente da chi controlla i media e lo stesso vale per l’opposto dialettico di a-normale.

Scrivevano infatti Noam Chomsky ed Edward Herman in “La fabbrica del consenso”:

“Non sarà sfuggito a nessuno che il postulato democratico afferma che i media sono indipendenti, determinati a scoprire la verità e a farla conoscere ; e non che essi passano la maggior parte del tempo a dare l’immagine di un mondo tale che i potenti desiderano che noi ci rappresentiamo, che sono in una posizione d’imporre la trama dei discorsi, di decidere ciò che il buon popolo ha il diritto di vedere, di sentire o di pensare, e di “gestire” l’opinione a colpi di campagne di propaganda”.

Come cerco di spiegare nella riflessione qui di seguito, lo stesso procedimento è stato adottato dalla Psichiatria mondialista, a servizio dell’Impero, come la quinta edizione del DSM mostra chiaramente.

+

+

+


E’ impressionante la velocità con cui questa specie di morsa a tenaglia si stringe sul mondo occidentale, nel disinteresse quasi totale.

Da una parte si normalizza ogni devianza (e c’è già chi ipotizza che nel prossimo DSM la pedofilia verrà completamente sdoganata: già alcune recenti conferenze si sono mosse in questa direzione, arrivando ad affermare che non si può dire con certezza che la pedofilia provochi dei danni misurabili nei bambinimentre dall’altra si patologizza la normalità.

Due esempi:

Il primo è l’ oppositional defiant disorder” or ODD. Così definito nel DSM IV (ma ildiscorso vale anche per l’ultima edizione del manuale), questo curioso disordine mentale consisterebbe in un “atteggiamento continuo di ostilità, disobbedienza e comportamento ribelle”, e i sintomi includono per l’appunto ribellione, negatività, contestazione dell’autorità, ed essere polemici.
Non ci vuole un genio per intravedere che cosa si nasconde dietro questa nuova lingua universale e dogmatica che è lo psichiatrese: un globale silenziatore per ogni pensiero divergente, per ogni dissidenza, per ogni critica all’ideologia dominante che è espressione del potere.

Il secondo: con il DMS-5, anche la comune sofferenza umana viene considerata una specie di malattia mentale. L’APA fa meraviglie!

Allen Frances (il direttore della squadra che ha messo a punto il DSM-4) ha sentenziato in merito: «Il mio miglior consiglio ai clinici, alla stampa ed al pubblico in generale è: siate scettici e non seguite ciecamente il DSM-5 lungo una direzione che porterà facilmente ad un eccesso di diagnosi e ad un dannoso eccesso di somministrazione di farmaci».  Quello che allarma in modo particolare Frances, e non certo solo lui, è il fatto che il DSM-5 renda patologici delle normali sofferenze umane. Il 7 gennaio 2013, nel suo articolo Ultimo appello al DSM-5: proteggete la sofferenza dalle grinfie dell’industria farmaceutica, Frances scrive : «Far diventare la sofferenza umana una malattia mentale sarà *la manna* per l’industria farmaceutica ed una carneficina per chi soffre. È una decisione autodistruttiva per lo stesso DSM-5 ed inoltre mina la credibilità dell’APA. La Psichiatria non dovrebbe disconoscere la normalità».
Dobbiamo fare un passoindietro per mettere bene a fuoco la questione: nel DSM-4, alla cui redazione Frances ha contribuito più di tutti, c’era la cosiddetta «esclusione del lutto» che stabiliva la non diagnosi di disturbo psichiatrico di depressione nel caso di sofferenza per la perdita di persona amata, anche se accompagnata da sintomi di depressione. Prima del DSM-5, l’APA aveva riconosciuto che avere dei sintomi di depressione nel soffrire la perdita di una persona amata fosse una cosa normale e non una malattia. Prossimamente, una normale sofferenza umana accompagnata da sintomi riconducibili alla depressione porterà invece alla diagnosi di depressione.
La partita è chiusa; i difensori della normalità – preoccupati anche della perdita di credibilità dell’APA – hanno perso. I promotori della diffusione malattia mentale, gli psichiatri neocons, hanno vinto.
Ma non è finita qui. Il DSM-5 inventa di sana pianta nuove malattie mentali. Si pensi per esempio a questa nuova diagnosi di malattia mentale messa a punto specificamente per i bambini, siglata DMDD, disruptive mood dysregulation disorder, in italiano: disturbo da cattiva regolazione di uno stato d’animo esplosivo. Ci si riferisce qui agli scoppi di collera tipici nei neonati e nei bambini; Frances tira questa conclusione sul DMDD : «trasforma il fare i capricci tipici del bambino in una malattia mentale».

A questo punto non guasta un breve riepilogo della storia del DSM.

Il primo DSM è del in 1952 ed elenca 106 disturbi (inizialmente indicati come «reazioni»). Il DSM-2 viene pubblicato nel 1968, il numero dei disturbi passa da 106 a 182.
Sia il primo DSM che il DSM-2 includevano l’omosessualità fra le malattie mentali. Negli anni ’70, in concomitanza con l’aumentare del significato del DSM cresce l’attivismo del mondo gay. Ne deriva che il tema psichiatrico-politico più noto e visibile diviene l’eliminazione dell’omosessualità dalle malattie mentali. Gli attivisti gay manifestano durante le riunioni dell’APA, che sul tema si divide ferocemente.
Così, mentre da una parte nel DSM-3 l’omosessualità viene eliminata dalle patologie, dall’altra il loro numero cresce e passa da 182 a 265. In particolare, grazie all’aggiunta di molte diagnosi che riguardano i bambini e che diventeranno rapidamente molto popolari. Una fra tutte l’ODD od oppositional defiant disorder [disturbo oppositivo provocatorio].
Il DSM-4 esce nel 1984 ed elenca 297 disturbi ed oltre 400 tipi di diagnosi di specifiche malattie mentali. Nel numero del febbraio 1997 di Harper’s, L.J. Davis scrive una recensione del DSM-4 intitolat: «L’Enciclopedia dell’infermità mentale: un manuale di psichiatria elenca una pazzia per ognuno di noi» nella quale scrive che il DSM-4 «è lungo 886 pagine e pesa, nell’edizione paperback, poco meno di 1,5 kg. Se indossato in battaglia e posto sopra al cuore, potrebbe probabilmente fermare una pallottola calibro militare .50 sparata da 1500 metri. [cioè un tiro mortale di un cecchino]».
Ma per Allen Frances, il DSM-5 non è un’occasione per farsi due risate. Infatti ci ricorda che: «Le nuove diagnosi in psichiatria sono più pericolose dei nuovi farmaciperché è da esse che dipende se milioni di persone assumeranno o meno i farmaci; tra l’altro di regola dopo visite sommarie o da parte di non specialisti. Benché l’APA sostenga che il DSM-5 non espanda sostanzialmente il numero totale delle malattie mentali, è sufficiente un’unica modifica del DSM-5 (quella che elimina l’esclusione della diagnosi di depressione nel caso di lutto), per creare milioni di malati di depressione inesistenti.

Che cosa dovremmo pensare del fatto che tra le “nuove” malattie mentali sono comprese: l’arroganza, il narcisismo, la creatività al di sopra della norma, il cinismo e il comportamento anti-sociale, che in passato venivano considerati semplicemente “tratti delle personalità”?

A chi giova la creazione dal nulla di nuove patologie? Nessuno vede, dietro l’angolo, i grandi sorrisi delle Lobby farmaceutiche?

Normalizzare la devianza e patologizzare la normalità significa rendere tutti bisognosi di cure. La devianza infatti non potrà mai essere completamente normalizzata, se non fosse altro per un principio statistico, e la normalità non verrà più ad essere difesa dall’evidenza: chi si troverà a protestare, infatti, sarà considerato automaticamente bisognoso di cure (in base alla diagnosi di “oppositional defiant disorder“).

Non si può evitare un collegamento logico con quanto sta avvenendo anche in Italia, con l’introduzione dello psicoreato di “omofobia“. Pseudo-reato, ricordiamolo ancora una volta, che è logicamente e giuridicamente assurdo. La fobia, quella vera, è infatti una malattia psichiatrica: abbiamo sindromi fobiche (fobia da situazione, fobia da esseri viventi fobia da oggetti, fobie ossessive). Ma da quando una malattia può diventare reato? In realtà questo neologismo assurdo – “omo-fobia” – sembra confezionato apposta per tappare la bocca a chi vuole difendere la famiglia naturale e i diritti dei bambini. Ma l’omofobia non è l’equivalente logico del dissenso e se la patologia, quella vera, è tale allora va curata e non può invece essere definita “omofoba” (quindi malata) una persona solo perché non condivide che i bambini vengano privati del loro diritto naturale di avere un padre e una madre.

 

 

 

 


 

 

+

+

+

+

+

+

+

OPSSSSS! UN ALTRO STUDIO SUI GENITORI DELLO STESSO SESSO SMASCHERATO.

La telenovela dei trent’anni di studi sui bambini cresciuti nelle famiglie dello stesso secondo la quale non ci sono differenze con quelli cresciuti in famiglie “tradizionali” non finisce mai di stupire. Dopo che numerosi psicologi ed esperti di psicologia sociale hanno messo in evidenza i numerosi e gravi limiti metodologici di queste ricerche, adesso si scopre anche dei clamorosi errori nel rilevamento dei dati che ne inficerebbero completamente il risultato. E’ il caso ad es. dello studio “A Population-Based Comparison of Female and Male Same-Sex Parent and DifferentSex Parent Households. Henny M. W. Bos, Lisette Kuyper, Nanette K. Gartrell” Pubblicato su Family Process nel 2017. Secondo Donald P. Sullins, sociologo e statistico della Catholic University of America, i questionari utilizzati per la ricerca sarebbero soggetti ad un certa quantità di errori. Gli intervistati infatti possono marcare la casella sbagliata o premere il tasto sbagliato della tastiera proprio nella classificazione del sesso del proprio partner. E’ stato infatti riscontrato che ad es. nel censimento della popolazione statunitense circa il 40% di coppie dello stesso sesso erano state classificate come coppie di sesso diverso. Poichè le coppie dello stesso sesso sono meno dell’1% della popolazione, anche un piccolo errore di classificazione può comportare una grave inaccuratezza con conseguenze rilevanti sui risultati degli studi. Nel caso della ricerca in questione, effettuata in Olanda con intervista guidata su PC, il rilevamento del genere di appartenenza avveniva premendo il tasto “1” o “2” sulla tastiera, procedura che è soggetta a numerosi errori. Diverse incongruenze suggeriscono infatti che ci siano stati gravi errori di classificazione. Ad es. nello studio il 52% del campione è costituito da coppie di maschi, mentre questa tipologia “familiare” rappresenta solo il 14% delle coppie dello stesso sesso con prole secondo i rilevamenti del servizio statistico dei Paesi Bassi. Sempre secondo le statistiche olandesi le coppie dello stesso sesso con figli conviventi rappresentano lo 0,28% delle coppie con prole, mentre nello studio di Bos et al. risultano tre volte più numerose. Basandosi su queste improbabili disparità riscontrate, viene stimato che circa il 65% del campione di controllo utilizzato potrebbe essere stato costituito da coppie in cui è stata sbagliata la classificazione. Sebbene si tratta di problemi ben noti in questo tipo di statistiche, gli autori non hanno fornito alcun elemento che possa assicurare che il campione utilizzato sia veramente rappresentativo rendendo assi discutibile il risultato del proprio report.
Ma non è l’unico caso finito sotto la lente di ingrandimento di Sullins. Anche in un analogo studio americano (“Family Structure and Child Health: Does the Sex Composition of Parents Matter?” pubblicato nel 2017 su demography) sono stati riscontrati i medesimi problemi.

Bibliografia
Black, D., Gates, G., Sanders, S., & Taylor, L. (2007). The measurement of same-sex unmarried partner couples in the 2000 U.S. Census (Working Paper Series No. CCPR-023-07). Los Angeles: California Center for Population Research. Retrieved from
Sullins, D. P. (2017). Sample Errors Call Into Question Conclusions Regarding Same-Sex Married Parents: A Comment on’A Population-Based Comparison of Female and Male Same-Sex Parent and Different-Sex Parent Households.’Henny MW Bos, Lisette Kuyper, Nanette K. Gartrell, Family Process (2017).
Sullins, D. P. (2017). Sample Errors Call Into Question Conclusions Regarding Same-Sex Married Parents: A Comment on “Family Structure and Child Health: Does the Sex Composition of Parents Matter?”. Demography, 54(6), 2375-2383.

LETTERA APERTA ALL’ #OrdinedegliPsicologi

LETTERA APERTA AL DOTT. FULVIO GIARDINA (Presidente Ordine Nazionale Psicologi)

Egregio Presidente

Circa tre anni fa in risposta ad una affermazione del ministro Lorenzin sulla necessità per un bambino di avere una figura materna e paterna, Lei ebbe a dire, tra le altre cose, che “la letteratura scientifica e le ricerche in quest’ambito sono concordi nell’affermare che il sano ed armonioso e sviluppo di bambini e delle bambine, all’interno delle famiglie omogenitoriali, non risulta in alcun modo pregiudicato o compromesso”. Oggi a tre anni di distanza, sono stati pubblicati anche studi di segno opposto e soprattutto la letteratura scientifica portata a sostegno della non influenza del sesso dei genitori sul benessere psicofisico è risultata afflitta da gravi carenze metodologiche come messo in evidenza da autorevoli studiosi. Per quanto riguarda il nostro paese ad es. la materia è stata rivista in modo critico da Elena Canzi in un volume con la prefazione degli studiosi Eugenia  Scabini e Vittorio Cigoli. A ciò si stanno aggiungendo una sempre più rilevante mole di testimonianze di bambini oggi giovani o adulti (soprattutto dagli USA dove il fenomeno della surrogazione da parte di coppie gay è meno recente) che affermano di aver sofferto o di soffrire per la mancanza del padre o della madre e di non poter conoscere la metà della propria origine genetica. Ma  soprattutto riprendendo il contributo di Scabini e Cigoli «Possiamo evitare di parlare di origine e di essere originato da una relazione? Possiamo, nel legame di filiazione, operare una scissione tra l’aspetto genetico e quello simbolico cercando di dimostrare che i legami di filiazione stanno in piedi “indipendentemente” dal legame genetico perché quello che conta è la qualità della relazione (percepita) e non la famiglia come struttura? Possiamo evitare di prendere in considerazione responsabilmente i rischi anche psichici che si corrono quando si sceglie di dar vita ad un nuovo essere umano silenziando aspetti cruciali della sua storia genealogica?»

Non crede quindi che su argomenti così delicati e che riguardano il benessere dei bambini, si debba essere almeno molto prudenti, mantenere il senso critico ed attenersi al principio di massima precauzione prima di sdoganare tecniche come l’utero in affitto, i cui effetti nel lungo termine non sono affatto scontati? Le vorremmo sommessamente ricordare che, poiché verba volant ma scripta manent, le affermazioni che oggi possono provocare l’applauso, domani potrebbero essere invece fonte di vergogna.

Ancora non hanno capito

15595768_10209450943044952_1443647126_o.jpg

 

Alessandro Benigni

 

 

Sembra incredibile, ma non hanno ancora capito: la questione è etica, non scientifica.

 

Dopo tre, quattro anni credo, in cui ci siamo battuti in ogni modo per far capire che la questione non è psico-metrica, non riguarda in nessun modo la possibilità di misurare il danno psichico delle persone, ma riguarda la loro dignità, il loro diritto inviolabile a non essere ridotte ad “adorabili oggetti di consumo” (per usare l’azzeccata espressione di Claudio Risé): ecco, ancora non hanno capito.

Le cose stanno così. Leggete:

«Su 19 commenti, 18 complessivamente concordano nel ritenere che il genere e l’orientamento sessuale dei genitori non siano di per sé fattori di rischio per la stabilità e il benessere psicologico dei figli».

Così, si esprime trionfante, l’ennesimo “psicologo” con qualche problemino sotto il profilo della gestione etica del discorso.

Che succede? Di cosa sta parlando? Semplice. C’è questo “studio” – farlocco come tanti altri, che abbiamo visto in questi anni – secondo il quale i bambini deprivati di padre o di madre e violentemente trascinati in coppie dello stesso sesso, stanno benone. Vanno bene a scuola, rispondono bene ai test (ovvero alle “interviste” che sono però rivolte quasi sempre agli stessi “omogenitori”  qualsiasi cosa questo neologismo assurdo voglia significare), e così via. Insomma: nessun problema, dice questo “studio” (una raccolta di articoli), per i bambini cui è stata negata la mamma o vietato il papà, solo per far contenti due adulti dello stesso sesso.

Lo abbiamo già spiegato: non serve a nulla sostenere che uno studio vale qualcosa perché viene pubblicato su una rivista o su un’altra. Men che meno importa sapere chi l’ha condotto e quali sono i risultati. Bisogna sempre entrare nel merito: prenderne in esame la metodologia, i criteri, i soggetti coinvolti, e soprattutto, ricordare che non si può mai passare da una teoria psicologica ad un assunto etico. Quali che siano le teorie o gli assunti etici, ovviamente. Sarebbe una gravissima fallacia, sullo stampo di quella naturalistica già individuata da David Hume (pensate un po’, siamo nella metà del ‘700!), per cui dalla osservazione di uno stato di fatto si pretende di passare automaticamente ad una pretesa di diritto.

 

Qui l’articolo – tratto da l’Avvenire – che ne parla diffusamente.

Vi risparmio lunghe citazioni, se proprio vi va, date un’occhiata voi stessi.

 

La sintesi: secondo questi luminari, il problema è risolto nella misura in cui i test (spesso condotti da stessi esponenti Lgbt, come già mostrato decine di volte) “dimostrerebbero” che i bambini stanno bene: non mostrano – sempre secondo loro – nessuna sofferenza.

 

E’ precisamente a questo punto che entra in gioco la Filosofia, col suo dubbio metodico, e s’interroga.

 

Basta questo criterio per legittimare la mercificazione dei bambini e la loro deprivazione della figura paterna o materna? Basta la presunzione di assenza di danni?

Se sì, allora dovremo legittimare, in base allo stesso principio, anche quella famosa pedofilia soft, promossa da Richard Dawkins, che in quanto tale non farà alcun danno al bambino.

 

Il ragionamento è questo: se è lecito fare ai bambini quello che si vuole, finché non si dimostra che si procura loro un danno valutabile con gli attuali test psicologici, perché non dovrebbe essere lecita anche una forma leggera, non invasiva, di pedofilia?

 

Mi spiace per lor signori, più o meno esperti, più o meno dotti, o sedicenti tali, ma questo insegna la Filosofia: a non fidarsi di nessuno, a dubitare di tutto e di tutti.

Prima di tutto di questi piccoli maestri, che tentano di dire bugie mascherandole da diritti.

Non occorre però la Filosofia per sapere che le bugie hanno le gambe corte, sempre, e che ragionamenti mal posti, fanno cilecca.

*

*

*

*

*

*

*

 

 

L’importanza del padre

Rilanciamo un articolo apparso su Zenit, sul tema dell’importanza della figura paterna per un armonioso sviluppo del bambino. Abbiamo già ricordato quanto sosteneva Rosa Rosnati, docente di Psicologia dell’adozione e dell’affido presso l’Università Cattolica di Milano. La Psicologa, come ci ricordano gli amici di UCCRha spiegato che «crescere godendo della presenza di un padre e di una madre consente al bambino di conoscere dal vivo cosa vuol dire essere uomo e donna e, quindi, definire nel tempo una solida identità maschile o femminile. Allo stesso tempo il bambino potrà fare esperienza della relazione tra uomo e donna, capace di accogliere e valorizzare le differenze. Due genitori dello stesso sesso non possono fornire questa esperienza di base, quindi il bambino sarà gravato da un compito psichico aggiuntivo. Ai bambini adottati la società deve fornire condizioni ideali di crescita, non esporli ad altri fattori di rischio».

Dopo aver richiamato l’importanza del padre, in special modo per la costituzione dell’identità femminile, guardiamo con interesse ai risultati di uno studio dell’Università di Oxford che viene così sintetizzato: “Padri presenti donano equilibrio ai figli”.

Il commento dello psicoterapeuta e saggista Claudio Risé: “Ma questi dati vengono ignorati dai centri di potere, impegnati a propugnare figure genitoriali neutre”

*

*


La rivincita del padre, contro il pensiero unico secolarizzato

 

Un padre molto presente, aiuta lo sviluppo dei figli e ne fa donne e uomini più equilibrati. Ragazzini ben seguiti, infatti, hanno il 28% di probabilità in meno di avere problemi comportamentali. È quanto emerge da una ricerca dell’Università di Oxford, che ha esaminato un campione di seimila bambini, seguiti per dieci anni.

Sulla stampa internazionale la notizia ha avuto una notevole eco. Proprio in una fase storica in cui spira forte in Occidente il vento di ideologie tese a destrutturare l’identità sessuale e a demolire l’istituto familiare, la scienza lucida a nuovo e ricolloca al vertice la figura dell’uomo quale pater familias. Siamo forse al tramonto della campagna di indebolimento del ruolo del padre, portata avanti fin dal ’68 dal “capitalismo edonista” di concerto con le “burocrazie politiche marxiste”?

 

ZENIT ne ha parlato con il prof. Claudio Risé, psicoterapeuta e scrittore, docente di Psicologie dell’educazione all’Università Bicocca di Milano.

***

Prof. Risé, finalmente viene rivalutata l’importanza del ruolo del padre?

Per la verità dati simili, anche molto dettagliati e impressionanti, erano già noti, raccolti dal Bureau of Census Usa e altre istituzioni nazionali e internazionali, e già presentati nel mio Il padre l’assente inaccettabile, la cui prima edizione italiana è del 2003, poi tradotto in gran parte del mondo. Il fatto è che questi dati non vengono finora diffusi e presi sul serio da gran parte dei centri di potere politico ed economico, impegnati invece nell’indebolimento del padre, in quanto figura potenzialmente disturbante nei confronti della proposta omologante di figure genitoriali neutre,  portata avanti dal pensiero unico secolarizzato, fino a poco fa dominante nell’ultimo cinquantennio in Occidente.

Nel suo libro Il padre. Libertà dono (ed. Ares, 2013), Lei dice che è compito del padre fare dono della libertà al figlio. Cosa intende di preciso?

In quel libro, per il quale il filosofo Pietro Barcellona ha scritto una prefazione prima di morire, ho presentato l’importanza per il buon equilibrio successivo del figlio del rapporto con la madre dal concepimento e nei primi anni dopo la nascita. Una relazione di carattere fusionale, istitutiva di forti dipendenze nel figlio e nella stessa madre ma decisiva per il benessere del piccolo. Perché il figlio “nasca” però, anche come soggetto autonomo, è necessario che il padre entri affettuosamente nella diade madre-figlio, portandovi  il “dono della libertà al figlio”. Vale a dire una proposta  di emancipazione per entrambi, attraverso specifiche pratiche e iniziative. Ciò richiede nel padre, ad esempio, una grande attenzione nello scorgere e valorizzare nel figlio tutti quegli interessi e vocazioni personali che egli normalmente esprime già dalla prima infanzia, ma che non vengono spesso colte né dalla madre, troppo preoccupata a soddisfarne i bisogni per raccoglierne le spinte emancipanti. Anche le figure educative esterne sono ancora troppo spesso immerse in un modello  unidirezionale (dagli educatori agli educandi), per cogliere le proposte e potenzialità presenti in questi ultimi. Il padre invece, vicino al figlio senza però esservi mai stato unito come la madre, è in grado di portare questo dono di libertà, in particolare se accompagnato dalla proposta e testimonianza di sviluppo spirituale e accesso al simbolico.

Quanto ha inciso sulla crisi del ruolo paterno il ’68?

Il ‘68, che si è a volte autopresentato come rivolta contro il padre, è stato invece, a livello profondo, anche  una sorta di grido di aiuto verso il padre, affinché questi smettesse di crogiolarsi nell’autocontemplazione narcisistica già imperante nell’Occidente secolarizzato e si facesse interprete della necessità di “liberazione” dei giovani dall’ideologia della soddisfazione del bisogno che si intuiva già imperante allora e ancor più nei decenni a venire. Questo richiamo non fu naturalmente accolto da padri già compromessi, anche moralmente e culturalmente, dall’edonismo di massa. La società dei consumi e delle pulsioni fu anzi ulteriormente rafforzata, coinvolgendovi il più possibile anche i nuovi ribelli e decapitando le loro spinte ideali e potenzialità spirituali. Capitalismo edonista e burocrazie politiche marxiste si impegnarono con successo a far naufragare nell’opulenza e nell’immagine la spinta ideale di un’intera generazione, peraltro già confusa di suo.

È indice di stabilità che giova ai figli anche il rapporto complementare tra padre e madre?

L’innegabile complementarità tra madre e padre, impressa dalla natura nella fisiologia e psicologia femminile e maschile, non implica – anzi esclude – ogni ambigua e confusiva complicità, sempre di scarso valore nel processo educativo. La complementarità è invece fondata sulla convinta testimonianza da parte di ognuno dei due della propria diversità, e dell’assoluta necessità di un accordo con l’altro per la presenza armonica dei due principi e delle rispettive forze e vocazioni.

Se è così importante l’equilibrio dei ruoli di madre e padre, cosa ne è delle cosiddette “coppie omogenitoriali”?

Si tratta di esperienze recenti, con un tempo di osservazione troppo breve per fornire valutazioni e dati precisi. Inoltre quelli finora raccolti sono stati presentati su iniziativa volontaria, e non su raccolte di dati e campionature scientificamente valide. Il loro significato è soltanto di propaganda di queste nuove tecniche, e costumi. Si tratta comunque di iniziative tese a cambiare la stessa riproduzione umana, e dunque  l’umanità, finora fondata appunto sull’unione tra maschile e femminile.

Inoltre le biotecnologie fanno passi da gigante. Quali conseguenze può avere su un figlio il concepimento da utero in affitto?

Hanno l’aspetto di deliri di onnipotenza individuali, sostenuti da forti interessi politici ed economici. Dal punto di vista psicologico, ma anche cognitivo e simbolico, appare evidente che un bambino nutrito da relazioni affettive ed esperienziali con un solo sesso viene privato delle risorse di quello tagliato fuori dal processo riproduttivo. Senza dimenticare la diversa qualità dei processi naturali e quelli costruiti in laboratorio. Si tratta però di altri ed enormi campi e questioni, sulle quali non desidero inoltrarmi in questo momento.


 

 

 

Fonte: Zenit

*

*

*

*

*

*

*

 

La violenza, l’indifferenza, l’impotenza (cerebrale)

Analisi fenomenologica (sintetica): la violenza e gli spettatori impotenti (nel cervello).

13483136_10208120453723093_1135926127371709532_o
Un bambino. Ovvero un essere umano – piccolo e incapace di decidere, di difendersi, etc. – è stato:

1) progettato a tavolino, come un artefatto qualsiasi
2) reificato come merce, tramite contratto scritto – per cui la madre dietro compenso s’impegna a venderlo a due uomini adulti, uno dei quali è il padre biologico (lo è dal punto di vista genetico, ma non ha messo nulla di sé al di là del seme nell’atto procreativo con la donna in questione)
3) venduto
4) impiantato in modo altrettanto innaturale in una coppia di adulti dello stesso sesso, nei quali non solo non troverà mai la madre, pur vedendo che il mondo naturale a lui circostante è fatto di figli che hanno la propria madre, ma si vedrà pure cristallizzata per sempre la cesura violenta della catena della filiazione: non sarà più possibile per lui ricostruirla, in nessun modo.
4) costretto ad un lavoro ulteriore per recuperare sé stesso – quando sarà il momento – la sua storia, la sua dignità di essere umano e non di oggetti di consumo, il rapporto con un “padre” che l’ha così profondamente violentato, fin da prima del concepimento, solo per poter raccontare alla società una storia fasulla: che essere omosessuali è bello, che comunque si possono “fare” i bambini anche tra persone dello stesso sesso, che non esiste differenza tra normalità e a-normalità, che ai bambini si può fare quello che si vuole, perché quello che conta sono le “capacità genitoriali”, la “genitorialità”, fosse anche “l’omo-genitorialità” (un terribile ossimoro, quest’ultimo, un contro-senso logico che viene bevuto dalle masse ormai spossessate di qualsiasi capacità logico-critica, anche la più elementare: due persone dello stesso sesso – viene da piangere a dovberlo ricordare – non possono generare alcunché).

Come reagiscono le masse? Plaudendo alla violenza. Esprimendo “solidarietà”.
Una festa.

Evviva.

Bene. Si dà il caso – e anche qui c’è da vergognarsi a dover recuperare *perfino* Karl Marx per denunciare questo abuso logico, concettuale, morale, etico, umano e perfino estetico – che tale movimento sia lo stesso che fece uscire dalla penna marxiana una delle più belle pagine della filosofia, piena d’ironia e acutezza speculativa al tempo stesso.

Non a caso viene da “La sacra famiglia” (siamo nell’attualissimo 1844, anno assai fecondo per Marx). Il passo è quello della “dialettica del frutto”.

Ne riporto brevemente alcuni passi, qui sotto:

…………………………………………………………………….

“Se io, dalle mele, pere, fragole, mandorle – reali – mi formo la rappresentazione generale «frutto», se vado oltre e immagino che il «frutto» – la mia rappresentazione astratta, ricavata dalle frutta reali – sia un’essenza esistente fuori di me, sia anzi l’essenza vera della pera, della mela, ecc., io dichiaro – con espressione speculativa – che «il frutto» è la «sostanza» della pera, della mela, della mandorla ecc. Io dico quindi che per la pera non è essenziale essere pera, che per la mela non è essenziale essere mela. L’essenziale, in queste cose, non sarebbe la loro esistenza reale, sensibilmente intuibile, ma l’essenza che io ho astratto da esse e ad esse ho attribuito. […] (L’hegeliano) vede nella mela la stessa cosa che nella pera, e nella pera la stessa cosa che nella mandorla, cioè «il frutto». Le particolari frutta reali non valgono piú che come frutta parventi, la cui vera essenza è «la sostanza». […] Questo avviene, risponde il filosofo speculativo, perché «il frutto» non è un’essenza morta, indistinta, immobile, ma un’essenza vivente, auto-distinguentesi, in moto […]. Le diverse frutta profane sono estrinsecazioni vitali diverse dell’«unico frutto», sono cristallizzazioni che «il frutto» stesso forma. Il filosofo […]… ha compiuto un miracolo, ha prodotto dall’essere intellettuale irreale «il frutto», gli esseri naturali reali, la mela, la pera, ecc.; cioè, dal suo proprio intelletto astratto – che egli si rappresenta come un soggetto assoluto esistente fuori di sé – […] ha creato queste frutta… […]”.

Karl Marx, La sacra famiglia
………………………………………………………………………..

Intesi?

Questo è quello che avviene per la “genitorialità”, ormai slegata dall’essere genitori. Siamo di fronte – come Marx denunciava, nel caso della speculazione hegeliana – dell’inversione del rapporto tra soggetto e predicato. Si considerano come dire: realmente-reali non gli enti realmente-esistenti, ma le idee, i concetti. Poi ci si trastulla con quelle, fino a creare qualsiasi mostruosità possibile e immaginabile. E’ così che la “genitorialità” può esserci “senza genitori”, così come per qualcuno “il frutto” può esserci senza mele, pere, mandorle, e così via. L’essenza della genitorialità oggi s’aggira per conto suo, indipendente e slegata dal piano della realtà, e acchiappa chiunque: due uomini possono essere genitori, così come tre donne, così come un uomo e una donna. E via.
Che male c’è? E’ la Tecnica che lo consente. *Dunque* è lecito. E pian piano, perfino *credibile*.
Siamo oltre, molto oltre i limiti della follia sociale.
Rotti questi argini di aggancio alla realtà, di “fedeltà alla terra” (usando una bella espressione di Nietzsche) non ci resta che assistere inermi all’ennesimo passaggio consequenziale che già molte volte abbiamo visto nella Storia: l’avvicinarsi dell’era dei mostri.

Mentre gli stupidi semi-colti ridacchiano divertiti, impotenti nel pensiero, incapaci di scorgere che oggi tocca ai più piccoli, domani a tutti gli altri.

 

 

Alessandro Benigni