#allarme RIENTRATO, MA MICA TANTO

​ALLARME RIENTRATO, MA MICA TANTO

Dunque si scopre oggi che la pubblicità di una nota marca di jeans circolata ieri sugli autobus romani non raffigurava un bacio pedofilo ma ritraeva semplicemente un uomo e una donna.

Il primo piano ha ingannato tutti e il dato interessante è proprio questo: che ci siamo cascati tutti.

Nell’epoca in cui i bambini vengono sessualizzati precocemente e visti come già grandi – e viceversa esistono gli asili nido per adulti che si sentono infanti – questa è una immagine che si presta a una campagna di priming in cui la massa si abitua a certi messaggi che, una volta entrati nella memoria a breve termine, transitano in quella a lungo termine facendo sì che le difese non si alzano più automaticamente. L’idea di un rapporto affettivo e sessuale fra un adulto e un bambino diventa un qualcosa di già visto, di familiare e quindi si è più predisposti ad accettare il dato che si appresta a venire imposto.

Ora, nel momento in cui le università italiane hanno già predisposto il libretto per il terzo sesso – per quelli cioè che non si riconoscono né come maschio né come femmina – disconoscendo il dato biologico, ebbene sarà un breve passo da compiere per riconoscere diritti particolari all’adulto che si sente più piccolo o al bambino che si sente più grande. Se il dato biologico viene disconosciuto per il sesso, non si capisce perché debbano esserci dei paletti per l’età che effettivamente è molto più fluida nell’autopercezione, molto più relativa rispetto al sesso che invece è molto più legato ad un dato oggettivo, biologico. L’età, dunque, si presta ancora meglio al gioco della fuidità.

Se c’è il libretto per l’uomo che si sente femmina e per la donna che si sente maschio, ma perché un adulto di cinquant’anni non dovrebbe poter andare all’asilo? Se il cinquant’enne si sente adolescente, perché non dovrebbe poter avere una relazione con una quindicenne senza subirne le conseguenze penali?

Allarme rientrato dunque? Ma mica tanto. Come si può ben capire, lo sdoganamento della pedofilia è già dietro l’angolo.

Alessandro Benigni

Annunci