LA CULTURA #omosessuale

Riportiamo la trasposizione (rielaborata a soli fini di miglior lettura) di una conferenza stampa del Circolo Mario Mieli per evidenziare cosa si intenda per “Cultura omosessuale” di cui il Circolo si fa espressione. La conferenza stampa fu fatta per rispondere ad una polemica suscitata dalla notizia dell’apertura di una dark-room all’interno della discoteca “Castello” durante le serate di discoteca gay denominate “Muccassassina” 

(Prima di ogni paragrafo è riportato il minuto dell’audio cui la trascrizione si riferisce.)

<<Registrazione audio della conferenza stampa dal titolo “”Il Circolo di Cultura Omosessuale “Mario Mieli”, le dark room e l’aids”” che si è tenuta a Roma mercoledì 12 maggio 1993 alle ore 00:00. Organizzata dal Circolo di Cultura Omosessuale “Mario Mieli” per opporsi all’ondata di demonizzazione sessuofobica di cui attualmente sono vittima gli spazi di aggregazione gay>>

 Vanni Piccolo (circolo Mario Mieli)

min. 00 (La dark room è un luogo) dove facilitare la comunicazione, il petting non deve suscitare scandalo. Quindi noi denunciamo che ci si approccia a combattere l’AIDS in modo moralistico e sessuofobo in questo caso.

Andrea Pini (arcigay)

3.40 La nostra posizione, la posizione del circolo (sulle dark room) è di assoluta apertura e disponibilità perché le dark room sono l’espressione di un fenomeno di costume che sta allargandosi , vengono dal nord America, dal nord Europa, nei Paesi Anglo Sassoni sono esperienze ormai avviate e note da più di un decennio. All’inizio degli anni ’80 decine e decine di locali con dark room hanno chiuso per via dell’Aids e della cultura fortemente sessuofobica.

7.40 In questi ultimi paio di anni la paura dell’Aids ha cambiato un po’ aspetto, possiamo affermare che c’è meno panico, una paura più razionale perché si conoscono meglio i mezzi di prevenzione.

13.00  nessuno dice che l’unico modo (di vivere la sessualità) sia di avere incontri occasionali in un angolo più o meno buio di un locale notturno ma è un modo che vogliamo difendere perché è una delle tante possibilità. C’è chi vuole vivere la sua sessualità all’interno di un rapporto di coppia ed è libero di farlo, c’è chi preferisce saltuariamente o anche tutte le settimane avere incontri con persone diverse e noi crediamo che questa scelta abbia lo stesso valore di rispetto, rispetto a quella della coppia, o a quella del matrimonio.

Vanni Piccolo

19.03 la nostra sessualità di tutti, degli omosessuali, degli eterosessuali, dei  bisessuali, e degli animal-sessuali è stata sempre incanalata secondo criteri di non sviluppo libero della sessualità, è stato sempre proibito svilupparla liberamente, per cui una liberazione sessuale, una fruizione di sesso così libero come la possibilità di andare in un locale, incontrarsi, scopare in maniera immediata proprio così senza doversi corteggiare, uscire, pagarsi la cosa ecc. ecc. ecco questo non rientra nella cultura italiana.

19.50  ora che sappiamo che possiamo usare il preservativo  e continuare a scopare noi, come altri locali, abbiamo cercato di provare ad abbattere  questo muro di moralismo che ha impedito fino ad oggi lo sviluppo delle dark room nei locali.

20.15 noi abbiamo scelto di oscurare una parte, un angolo nell’antibagno del locale per poter permettere alle persone  che vogliono appartarsi in una maniera più protetta di poterlo fare.

25. Domanda di un giornalista: Con le dark room non si favoriscono comportamenti a rischio?

Andrea Pini

29.18 Questo è stato l’atteggiamento che abbiamo dovuto combattere rispetto al ministero della sanità in questi anni perché le campagne di prevenzione tendevano a stigmatizzare i rapporti occasionali e noi, associazioni omosessuali, abbiamo cercato di far capire che in questa maniera si dà un messaggio sbagliato perché soprattutto nell’ambiente omosessuale, che non è paragonabile in quanto abitudini sessuali alla media delle persone eterosessuali, c’è un abitudine al rapporto occasionale. Non si può dire “il buon senso dice..”, no! Il buonsenso della famiglia media dice così ma il buon senso della persona omosessuale media non dice affatto così. La persona omosessuale è abituata al rapporto occasionale, è la norma.

30.50  Capisco quello che dici te “mi troverei in imbarazzo se trovassi la dark room in un locale”. Certo perché la dark-room è una cosa totalmente estranea alla cultura eterosessuale a cui la gente non è preparata.

31.15 Non puoi riportare questo giudizio al mondo omosessuale perché ha altre regole, è un altro mondo.

31.20  Partendo dal presupposto che il rapporto occasionale per noi è un’abitudine, è uno stile di vita.

31.35 La maggioranza degli omosessuali giovani hanno una vita sessuale con molti partner

 Vanni Piccolo 

32.35 ho visto che avevate delle perplessità che posso pure condividere visto che la cultura omosessuale non è del tutto conosciuta all’esterno perché la repressione ci ha pure impedito di manifestarla e di esprimerla in toto

32.52 Noi ci sottraiamo proprio perché non siamo destinati alla procreazione, non siamo destinati quindi naturalmente alla coppia e al matrimonio quindi usciamo dalla regola, dal vincolo della fedeltà, della verginità e di tutte queste cose che hanno condizionato anche l’emancipazione della donna, ecco uscendo da tutte queste regole è chiaro che abbiamo una cultura dell’amore libero, dell’amore immediato che…nella cultura omosessuale c’è questo piacere del rapporto occasionale immediato, dovunque e comunque. (..) noi siamo frenetici rispetto a questa cosa, non riusciamo a rinunciare (…) Io vorrei che fosse anche nella cultura etero una cosa del genere, forse qualcuno penserebbe di più al sesso e magari meno ad altri valori che poi sono magari altamente negativi. (…) 

35. “Siamo qui per difendere attraverso la darkroom il diritto ad una libera sessualità”

40 “Noi abbiamo il piacere di incontrarci nei giardini, di una comunicazione immediata, non riusciamo a rinunciare alla possibilità di far un rapporto occasionale immediato. Se io in treno incontro una persona che ci sta io cerco di portarmela al bagno, se non c’è nessuno cerco di farlo nello scompartimento.. ” 

41 (La dark room nel Muccassassina serve per il ) finanziamento delle associazioni di volontariato.”

43 “Prima i gay si incontravano nel Colosseo, poi l’hanno chiuso. Prima ancora il Circo Massimo, poi l’hanno rasato. Sono rimasti alcuni giardini (…) questa cosa delle dark-room non è una ghettizzazione, è solo uno spostamento. 

Riassumendo: per  “cultura omosessuale” il rappresentante del Circolo di Cultura Omosessuale “Mario Mieli” e il rappresentante di ArciGay intendono  una visione della vita sessuale caratterizzata da promiscuità sessuale  fatta di incontri sessuali occasionali, impellenti cui gli omosessuali non sanno sottrarsi in qualunque situazione si presenti un’opportunità. E questa “cultura” viene detto dovrebbe diventare anche quella degli eterosessuali affinché si “liberino sessualmente”. 

Promiscuità sessuale e matrimonio vengo messi sullo stesso piano morale come scelte di pari valore.

Viene spiegato  chiaramente che nel mondo gay esiste un’altra mentalità rispetto al mondo etero e che il concetto di “buon senso” è completamente diverso nelle due realtà. 

Ad un certo punto si parla, oltre che di omosessuali, eterosessuali e bisessuali anche di “animal-sessuali”, una categoria non meglio specificata che però lascia ben poco spazio all’immaginazione. 

Si parla di “dark room” come di un’occasione per far affluire più clienti al Muccassassina e guadagnare più soldi per “finanziare il volontariato” del Circolo sia per la prevenzione dell’Aids (i risultati li raccontano le statistiche degli infettivologi) che per favorire la “liberazione sessuale” anche del resto della popolazione italiana che deve cambiare “cultura”.

Per loro stessa ammissione la vita gay non è compatibile con la formazione di una famiglia, la fedeltà e la procreazione cui “non siamo destinati”.

Probabilmente nei 24 anni passati dalla conferenza stampa queste associazioni hanno fatto un ottimo lavoro diffondendo la mentalità favorevole alla promiscuità sessuale anche tra gli eterosessuali.

Questi signori sono partner Unar e vanno nelle scuole a diffondere la loro cultura ai giovani. Se continueremo a permetterlo.
Fonte: http://www.radioradicale.it/scheda/54610/54676-il-circolo-di-cultura-omosessuale-mario-mieli-le-dark-room-e-laids

Annunci