FIGLI DI GENITORI DELLO STESSO SESSO

image

La storia di B.N. Klein

Io sono una tipica liberale, ha votato per Obama due volte, e sono tuttavia contraria alla cosiddetta uguaglianza del matrimonio. Mia madre era una lesbica dichiarata. Sono cresciuta con lei e le sue partner. Io non sono cristiana e non mi sono mai associata con alcun gruppo che cerca di preservare il “matrimonio tradizionale” o il “matrimonio naturale”.

Mia madre ha avuto tre amanti lesbiche. Quando ero molto giovane si viveva nella casa di famiglia insieme con mio padre. Lei ha trascorso oltre 25 anni con la sua ultima partner. Ognuna di queste donne ha esercitato un potere adulto su di me, come se si trattasse di un genitore. Mi sono resa conto a cinque anni che non erano dei genitori. Sono cresciuta in un ambiente in cui la sessualità adulta era la misura della dignità delle persone. C’era molto disprezzo per gli altri e soprattutto per gli eterosessuali.

Con il tempo, avevo undici anni, ho anche scoperto che la comunità lesbica coltivava una preoccupazione poco sana verso la sessualità dei propri figli. Sally Kohn, giornalista lesbica, questo lo ammette nel suo articolo I’m gay. And I want my kid to be gay too .

I bambini intorno a me diventavano spesso oggetti di scena, mostrati pubblicamente per dimostrare che le famiglie gay erano proprio come quelli degli eterosessuali. Ho conosciuto casi in cui gli adulti allenavano i bambini a recitare testimonianza false per poi essere utilizzati in tribunale. Ho dovuto rendere omaggio e prestare costante attenzione all’identità degli adulti. L’importanza della loro identità ha richiesto qualche studio. Ho dovuto leggere Patience and Sarah, e ho dovuto guardare The Killing of Sister George. Gli altri bambini leggevano La casa nella prateria e guardavano Oliver! Allo stesso tempo c’era una dicotomia costante in gioco – riduttivo e ostile, bianco e nero. Il loro sesso e la loro identità significavano tutto. Per loro gli eterosessuali non significavano nulla – allevare, orribili amebe di basso livello nelle loro comunità di camere da letto da conservatori. La nostra casa è stata invasa da lesbiche di nuovo conio che pianificavano le loro strategie di divorzi e alimenti. In un caso, ciò ha significato noleggiare un camion per ripulire la loro casa mentre i loro mariti erano al lavoro.

I miei tutori non ritenevano di alcuna utilità qualsiasi persona religiosa: la maggior parte degli ebrei (come ero io) e ogni cristiano. L’intolleranza ampliata. Si degnavano verso persone che avevano lavori d’ufficio per le aziende, e le donne che si erano nell’[Associazione genitori-insegnanti].

Tutta questa distorsione ha creato in me un dualismo, in bilico tra la disperazione e l’arroganza. Non diversamente dal clima di oggi, a casa mia e nella mia infanzia di essere in disaccordo significava rischiare punizione, rifiuto e pubblico disonore. Questo lo hanno fatto con l’incoraggiamento di tutti i loro amici. Quello che facevi veniva trasmesso ad altri adulti che ti offendevano. Quando mia madre si preoccupava della mia sessualità era preoccupata solo del fatto che questa combaciasse con i suoi valori, in un modo simile a quello della signora Kohn. Quindi, in un certo senso, non mi ha permesso di avere una sessualità, perché questo avrebbe potuto significare una identità indipendente da loro, cosa che certamente non era permessa.

In questo scenario i bambini devono reprimere il desiderio di una madre o di un padre. Essi vengono derisi e fatti vergognare se mai esprimono un tale sentimento. Essi potrebbero essere considerati come traditori e condannati all’isolamento, al rifiuto e al silenzio. I bambini hanno imparato a in un gioco di ruolo la parte delle bambole viventi. Ancor più insidioso, le manipolazioni si estendono in tutta la famiglia e comprendono il contrapporre un bambino all’altro, incoraggiando i bambini a diventare un metodo di controllo. Ciò ha conseguenze devastanti in età adulta.

Oggi denunciamo la segregazione e la discriminazione nelle assunzioni principalmente perché crediamo che gli esseri umani fioriscono quando sono esposti alle differenze, tra le quali la differenza sessuale ha preso un posto importante. I bambini nelle famiglie dello stesso sesso, sia gay o etero, soffrono l’equivalente nazionale della segregazione e soffrono nel vedere i loro tutori praticare l’equivalente nazionale della discriminazione.

Molti adulti sono in grado di prendersi cura dei bambini e molti bambini li amano. Ma l’amore adulto non fa una famiglia. La migliore analogia è questa: diciamo che ero follemente innamorata di un meraviglioso e brillante uomo gay. Doveva essere costretto a sposarmi perché io lo amavo, giusto? Questo si avvicina a ciò che viene richiesto ai bambini. Citazione del giudice Jeffrey Sutton:

“E le coppie gay, non meno di coppie eterosessuali, sono in grado di allevare i figli e di fornire famiglie stabili per loro. La qualità di tali rapporti, e la capacità di crescere i figli al loro interno, non verte sull’orientamento sessuale, ma sulle scelte individuali e sull’impegno individuale”.

Come fa a saperlo? Meno di tredici anni sono trascorsi da quando il matrimonio omosessuale e divenuto legale in Massachusetts. Non ha idea di quello che i bambini desiderano e, nella mia esperienza, egli ha torto.

Le uniche immagini di famiglie LGBT che la maggior parte delle persone potrà mai vedere sono costruite e controllate. Spesso ai bambini piccoli ancora sotto il potere dei loro genitori viene dato più credito che ai COG adulti che sono più distaccati e indipendenti. I metodi, spesso di sfruttamento, per creare tali famiglie sono nascosti. Inoltre, gli effetti sui bambini lungo il corso della loro vita non sono stati studiati in modo onesto. Tutte queste testimonianze eccessivamente dolci da COLAGE, PFLAG, e Family Equality [siti web LGBT] possono infatti essere bandiere rosse. I bambini devono sostenere e proteggere i genitori; devono sostenere la causa.

B.N. Klein

Annunci