Bufale Gender, cap. 2: “Ma a te, cosa cambia?”

11148330_10205357846800104_4388868456237746139_n

Nelle discussioni con i sostenitori del matrimonio per tutti, perchè tanto “anche 18 genitori vanno bene” (come ha scritto Giuseppina La Delfa, presidentessa delle “Famiglie” arcobaleno), spesso ci sentiamo obiettare: “scusa ma a te cosa cambia? si tratta di concedere un diritto in più, non di toglierne a qualcuno“.

E’ la tesi dell’ininfluenza, fondata su un assunto infondato, tutto da verificare: è vero che concedere matrimonio e adozioni agli omosessuali non cambia niente per tutti gli altri?

.
Cambia eccome. E’ una questione antropologica, morale, giuridica ed anche economica: riguarda prima di tutti i bambini adottati ed inseriti in coppie dello stesso sesso, dove si vedono deprivati di madre o di padre, segnati volontariamente da una ferita che durerà tutta la vita e sottoposto ad un’ingiustizia evidente, di fronte alla quale tutti sono chiamati in causa.
Concedere il matrimonio per tutti comporta negare il diritto di ogni bambino ad avere un padre e un madre.
 
.
Approfondimenti: 
Annunci