Statistiche – Rapporto tra orientamento sessuale LGBT e disagio psichico

Rapporto tra orientamento sessuale LGBT e disagio psichico
LGBT, GLBT, disagio, orientamento sessuale, censimento, USA, orientamento sessuale, ansia, abuso alcool, problemi psichic
Il primo censimento su larga scala e, quindi, scientificamente significativo, rappresenta la realtà per quella che è, incrociando fenomeni quali l’appartenenza al gruppo LGBT e problemi quali abuso di alcool e patologie ansiogene.

Un rapporto reso noto la scorsa settimana dal Centro per il Controllo e la Prevenzione del Disagio (CDC) ha rilevato che solo il 2,3 per cento della popolazione degli Stati Uniti è identificabile come facente parte del gruppo LGTB.

Pubblicato il 15 luglio dal CDC, il NHIS (National Health Interview Survey) è il primo censimento che misura l’orientamento sessuale degli Statunitensi su larga scala negli ultimi 57 anni. Se la percentuale di 2.3 è tradotta nei numeri della popolazione degli Stati Uniti, il risultato è di circa 7.271.426 persone, cioè circa 7,3 milioni di Americani sono gay, lesbiche o bisessuali (secondo il censimento, la popolazione degli Stati Uniti il ​​4 luglio 2013 era di 316 milioni). Sempre secondo il rapporto, il 96,6 per cento degli adulti è identificato come “normale”, l’1,6 per cento come gay o lesbica, e lo 0,7 per cento si definisce bisessuale; mentre l’1,1 per cento non ha risposto.

Lo studio NHIS ha anche riscontrato che le donne bisessuali sono due volte più a rischio di gravi patologie ansiogene, mentre i maschi bisessuali hanno maggiori probabilità di avere problemi di dipendenza dall’alcoolrispetto agli uomini normali.

Hanno partecipato al sondaggio circa 34.500 Americani di età compresa tra i 18 e i 64 anni, il che lo rende ampiamente valido.

A questo punto c’è da porsi due domande: se i problemi psicologici e fisici (ansia, depressione, alcolismo) aumentano con l’omosessualità, perché continuare a propagandarla? E se solo il 2,3% è composto da invertiti, perché continuare a considerare le loro istanze come se riguardassero la maggioranza della popolazione? Non sono forse ben più gravi i problemi di lavoro, salute, casa, famiglia del 97,7% del resto della popolazione?

Fonte: Corrispondenza Romana

Annunci