ADOZIONE E DIRITTO

Nell’adozione c’è l’incontro di un diritto con una disponibilità.
Il diritto è sempre stato quello del figlio a crescere in una famiglia, avendo perso quella di origine; e la disponibilità è sempre stata quella della famiglia che si propone per riparare alla mancanza. Ma oggi, sulla base di egoistiche pretese, si vuole invertire la ragione dell’adozione: il diritto diventa quello della coppia di avere un figlio, ed è il figlio senza famiglia che viene considerato disponibile ad essere adottato. In questa nuova concezione si perde di vista il prevalere del diritto della parte più debole, il figlio, a scapito della pretesa della parte più forte, la coppia che pretende. Ma il diritto del minore in stato adottivo è quello di veder ristabilita l’esatta situazione venuta a mancare, salvo permettere alla società qualsiasi arbitrio in merito: e la situazione venuta a mancare è quella in cui c’è un padre e una madre, da cui il figlio è nato.Questo discorso è discriminatorio soltanto nella prospettiva della coppia che pretende, ma è un discorso di giustizia nella prospettiva del figlio che ha diritto.

La Manif Pour Tous Italia

 

Annunci