Il “valore” dell’informazione “scientifica” prevalente: l’indottrinamento in azione.

Il “valore” dell’informazione “scientifica” prevalente: l’indottrinamento in azione.

Nel 2009 l’Associazione Californiana di Terapisti matrimoniali e di Famiglia invita psicologi e professionisti ad esprimersi sul tema del matrimonio tra persone dello stesso sesso anche in relazione alla questione dei figli: 50% pareri pro e 50% contro. Il fine è quello di stabilire una posizione ufficiale dell’associazione, ed è senz’altro degno di merito il fatto che si scelga di dar voce paritaria a tutti i pareri. Gli interventi sono pubblicati sulla rivista dell’Associazione, ma subito insorgono le associazioni Lgbt. Così, gli studi contrari vengono CANCELLATI dall’archivio informatico, dove sono tutt’ora assenti. 

Se qualcuno oggi cerca l’opinione di quest’associazione on line, troverà che essa sposa, al 100% dei pareri interpellati, le posizioni favorevoli al matrimonio e all’adozione per persone dello stesso sesso. Andrà in giro a dire che la scienza ormai è certa su questi argomenti, e che “lo dicono gli esperti!”. In realtà non saprà che il 50% dei pareri contrari è stato semplicemente censurato. Questo è il libero sistema di ricerca scientifica in cui si formano le posizioni “ufficiali” delle grandi associazioni internazionali di categoria, letteralmente dominate da gruppi di potere e di influenza (come tutte le circostanze simili, senza ipocrisie, dai consigli di amministrazione alla curia romana, come abbiamo spesso visto).

Qui sotto il saggio di una delle psicologhe e psicoterapiste contrarie censurata: “Matrimonio tra persone dello stesso sesso: non nel maggior interesse del bambino”:

http://www.drtraycehansen.com/Pages/writings_notinthebest.html

Annunci